WERELDREIZIGERS.NL
Campagna elettorale a Kaabong
Casa » Africa » Uganda » Africa orientale in scooter | Parte 15 | Parco Nazionale della Valle di Kidepo – Kotido (140 km)

Africa orientale in scooter | Parte 15 | Parco Nazionale della Valle di Kidepo – Kotido (140 km)

Chi osa percorrere più di 3.000 chilometri in scooter attraverso l'Africa orientale? Visitare i gorilla di montagna? Safari in scooter (esiste questa parola?) in cinque parchi nazionali? Per ammirare da vicino, tra le altre cose, leoni, bufali, ippopotami ed elefanti. Mi chiamo Eric e mi piace viaggiare su uno scooter. Leggi qui la parte 15 del resoconto unico di un'incredibile avventura in scooter Uganda, Ruanda en Kenia. In questa parte visito il Karamojong nel nord-est dell'Uganda e vivo da vicino la campagna elettorale.

Leggi anche:

Africa orientale in scooter | Parte 1 | Da Kampala a Kigali (180 km)
Africa orientale in scooter | Parte 2 | Bugala – Lago Mburo (170 km)
Africa orientale in scooter | Parte 3 | Parco Nazionale del Lago Mburo – Kabale (230 km)
Africa orientale in scooter | Parte 4 | Trekking Kabale – Ruhija – Gorilla (50 km)
Africa orientale in scooter | Parte 5 | Bwindi – Kabale – Kigali (160 km)
Africa orientale in scooter | Parte 6 | Memoriale del genocidio di Kigali – Kabale

Africa orientale in scooter | Parte 7 | Kabale – Parco Nazionale della Regina Elisabetta (175 km)
Africa orientale in scooter | Parte 8 | Queen Elizabeth NP – Fort Portal (120 km)
Africa orientale in scooter | Parte 9 | Portale forte – Muhorro (100 km)

Africa orientale in scooter | Parte 10 | Muhorro – Hoima (100 km)
Africa orientale in scooter | Parte 11 | Hoima – Parco Nazionale delle Cascate Murchison (120 km)
Africa orientale in scooter | Parte 12 | Parco Nazionale delle Cascate Murchison – Purongo (50 km)
Africa orientale in scooter | Parte 13 | Purongo – Gulu – Kitgum (173 km)
Africa orientale in scooter | Parte 14 | Kitgum – Parco nazionale della valle di Kidepo

Un addio in grande stile al Kidepo Valley National Park

Certo che posso Parco nazionale della valle di Kidepo non partire senza salutare la simpatica manager Betty e suo figlio Mandela. Mandela ha indossato per l'occasione la sua maglia arancione. Quindi abbiamo scattato una foto completamente in grande stile.

Mandela ed io ad Orange nel campo degli apoka
Mandela ed io ad Orange nel campo degli apoka

In mattinata decido di fare un ultimo safari all'ex lodge di Idi Amin. Su uno scoglio davanti alla loggia mi sembra di vedere una testa di leone. Ingrandendo con l'obiettivo della mia fotocamera lo so per certo.

Un leone su una roccia a Kidepo NP
Un leone su una roccia a Kidepo NP

Qualche istante dopo, un tour bus con turisti un po' delusi si ferma. "Hai visto i leoni?" la domanda è. 'Sei fortunato. Ce n'è uno lì, sulla roccia.' “Fantastico, davvero. Ma, eh, hai il coraggio di stare qui con quel leone laggiù?' Rispondo: 'Guarda dove sono il tuo autista e guida.' Sono in piedi nell'erba vicino all'autobus.

I turisti vedono un leone su una roccia a Kidepo
I turisti vedono un leone su una roccia a Kidepo

Non molto dopo mi trovo faccia a faccia con un bufalo che poco prima si era completamente immerso nel fango. È un addio con stile.

La prima introduzione a Karamoja: Kadepo

È di nuovo la vecchia canzone. Parto troppo tardi e non mi sono preparato adeguatamente. Questa volta sto guidando su una pista sterrata poco curata. Il trucco è mantenere uno slancio sufficiente per non scivolare nella sabbia sciolta.

È solo all'una che arrivo nel primo villaggio dei Karamojong: Kadepo.

Capre sulla strada per Kadepo
Capre sulla strada per Kadepo

A Kadepo mi sono preso una pausa. Immediatamente vengo attaccato da tutta una folla di bambini. Il capo villaggio li caccia via. 'Mzungu, non dare niente ai bambini. Sono bambini randagi e vengono tutti i giorni a mendicare nel villaggio. Ogni volta che qualcuno dà loro qualcosa, ha un motivo per tornare”.

Il centro di Kadepo
Il centro di Kadepo

Gli chiedo se ora sono nella terra dei Karamojong. Lui annuisce d'accordo. «Sì, questa è la terra del Karamojong. Non immaginarlo troppo. C'è molta povertà.'

Poi indica il mio scooter. «Non li vedo qui da anni. Tanto tempo fa qui viveva un prete italiano. Ha sempre guidato un piki piki del genere. Penso che quasi nessuno a Karamoja abbia mai visto un veicolo del genere».

Presentazione: Karamojong

Mappa della regione di Karamoja in Uganda
Mappa della regione di Karamoja in Uganda

Karamoja è una sottoregione dell'Uganda nord-orientale. La regione è popolata principalmente da 1,2 milioni di Karamajong. I Karamajong sono tradizionalmente un popolo nomade e sono originari dell'Etiopia. Sono imparentati, tra gli altri, con i Turkana e i Maasai in Kenya.

Karamajong in caratteristico outfit con poggiatesta, bastone e sandali in gomma nera
Karamajong in caratteristico outfit con poggiatesta, bastone e sandali in gomma nera

I Karamajong vivono in una zona caratterizzata da molta siccità. La carestia è un evento regolare e la violenza tra i popoli circostanti divampa regolarmente. In particolare il Turkana e il Pokot da Kenia saccheggia regolarmente al Karamajong e viceversa.

L'esercito ugandese ha deciso di intervenire a Karamoja all'inizio degli anni 2010. I Karamajong dovettero consegnare le loro armi all'esercito. Ciò ha comportato una maggiore sicurezza. Tuttavia, i conflitti divampano con una certa regolarità. La siccità e la carestia portano i vari popoli alla disperazione. La soluzione è spesso ricercata nel saccheggio di cibo e bestiame da parte dei vicini.

In visita al Pokot in Kenya: i 'Die Karamajong' dell'Uganda sono banditi
In visita al Pokot in Kenya: i 'Die Karamajong' dell'Uganda sono banditi
nota: Durante il mio soggiorno a Karamoja sia nel 2017 che nel 2018 non ho notato alcuna possibile insicurezza. Ciò che si è distinto è stato il consumo di alcol. Molti uomini nei villaggi erano in condizioni apparenti a mezzogiorno. Inoltre, ho sentito molte storie sul furto di bestiame dai Turkana e dai Pokot. Al contrario, si è rivelato raro. Due mesi dopo ero sul mio scooter a visitare il Pokot oltre il confine in Kenya e ho sentito la stessa canzone. Hanno avuto molti problemi con i ladri di bestiame del Turkana e del Karamoja. Gli stessi Pokot non si sono impegnati in furti di bestiame.

Un paradiso roccioso senza pari nella terra dei Karamojong

Ha piovuto molto negli ultimi mesi e lo si vede dai colori verdi del paesaggio. Produce immagini molto belle di un'area che spesso sperimenta una grave siccità.

Formazioni rocciose nel verde paesaggio vicino a Kaabong
Formazioni rocciose nel verde paesaggio vicino a Kaabong

Il mio ritmo non è troppo veloce. La strada sterrata è troppo insidiosa per questo. Ci sono parecchie buche qua e là e talvolta c'è anche un cedimento totale. Posso solo attraversarlo.

I panorami rimangono belli come sempre. Le donne su una roccia mi salutano. Fanno il bucato. Poco più avanti ci sono due caprai. Manovrano la loro mandria attraverso un alveo quasi asciutto. Dopo aver passato un ponte su quel fiume, sono a Kaabong.

Il bucato viene fatto nel distretto di Kaabong
Il bucato viene fatto nel distretto di Kaabong
Un gregge di capre cammina nel letto di un fiume quasi asciutto a Kaabong
Un gregge di capre cammina nel letto di un fiume quasi asciutto a Kaabong

Una festosa campagna elettorale a Kaabong

La posizione spettacolare di Kaabong è un motivo sufficiente per visitarla. Il comune di appena 12.000 abitanti è situato in posizione centrale in una pianura dalle brillanti formazioni rocciose. C'è anche molto da acquistare. I Karamojong comprano le loro cose nelle numerose bancarelle lungo la strada principale. Ci sono cappelli divertenti in molte combinazioni di colori in vendita. I sandali di gomma sono assemblati in loco. I coloratissimi tappeti in cui si vestono i Karamojong provengono dal Kenya. È un'usanza ereditata dai Maasai dove sono conosciuti come Shuka.

Vendita di abbigliamento a Kaabong con, tra le altre cose, i vestiti di Shuka
Vendita di abbigliamento a Kaabong con, tra le altre cose, i vestiti di Shuka

Non posso andare oltre fuori dal centro. La strada principale è completamente bloccata. Ci sono persone che cantano e ballano ovunque. Alcuni giovani uomini passano veloci sulle loro moto, suonando forte il clacson. Da lontano si avvicina un corteo festoso. "Presto avremo le elezioni", sento da uno spettatore. "Questo è uno dei candidati." Un attimo dopo mi trascina alla macchina in cui il candidato balla allegramente. Mi è permesso fare una foto con lei e per l'occasione mi viene regalato un cappello Karamojong originale.

Campagna elettorale a Kaabong
Campagna elettorale a Kaabong

Tutto mostra che la gente è pronta per una festa. A cosa non serve una campagna elettorale.

Arrivo nel buio a Kotido

È ora di dire addio a tutto il divertimento. La mia destinazione di viaggio oggi è Kotido. Se voglio raggiungere Kotido prima del tramonto devo percorrere 80 km in 2 ore. Questo è quasi impossibile date le condizioni della strada.

Appena fuori Kaabong faccio una breve sosta per fotografare l'ennesimo segno di un'organizzazione umanitaria internazionale. A causa della siccità e della povertà quasi annuali, le organizzazioni umanitarie in Karamoja pullulano. Questa volta sono all'ufficio sul campo del Programma alimentare mondiale. L'ufficio è dietro un alto muro con bobine di filo spinato. "Fighting Hunger WorldWide" è il credo.

Ufficio sul campo di Kaabong

A causa di tutto il trambusto ho perso la cognizione del tempo. Sono le sei e dieci e ho ancora 80 km per arrivare a Kotido. Quindi non lo salverò mai prima che faccia buio. Cosa importa? L'area è così incredibilmente bella con quelle bellissime formazioni rocciose e gli insediamenti tradizionali di Karamoja. Non riesco ad averne abbastanza…

Insediamento di Karamoja nel paesaggio roccioso nel distretto di Kotido
Insediamento di Karamoja nel paesaggio roccioso nel distretto di Kotido
Una breve pausa sulla strada per Kotido
Una breve pausa sulla strada per Kotido
Un tradizionale insediamento di Karamoja
Un tradizionale insediamento di Karamoja

Così vicino all'equatore, l'oscurità tramonta piuttosto bruscamente. Gli ultimi 50 km sono un bel calvario. Dopo una giornata calda, interi sciami di insetti tornano sulla strada. Scompaiono quando è buio pesto e diventa subito fresco.

Verso le nove e mezza ho finalmente raggiunto il mio obiettivo finale e mi trasferisco al Kotido Resort Hotel.

Eric su uno scooter in Uganda

Eric

Com'è guidare per più di 10.000 chilometri in Madagascar su uno scooter acquistato localmente? O su un pikipiki (scooter in swahili) attraverso l'Africa orientale? In più di 20 anni ho visitato più di 100 paesi. Ciò ha portato a molte esperienze di viaggio inestimabili, che vorrei condividere con voi.

ERIC – OLTRE 100 PAESI
– Attualmente in Kenya.
– Condividi esperienze di viaggio uniche.
– Destinazioni preferite: Madagascar, Uganda, Giappone, India e Colombia.

Hai visto un errore? Chiedere? Nota? Fateci sapere nei commenti!

Scritto da:

Eric su uno scooter in Uganda

Eric

CERCATO

LISTA DI CONTROLLO DI VIAGGIO

✔️ Questa assicurazione di viaggio copre anche le aree arancioni.
✔️ Confronta e prenota il biglietti aerei più economici.
✔️ Risparmia e prenota al meglio attività.
✔️ Più hotel? Allora prenota con 20% di sconto Genius.
✔️ Risparmia e prenota il tuo aeroporto parcheggio.
✔️ Roadtrip? Confronta e prenota uno sconto auto a noleggio.
✔️ Prepararsi per un viaggio? Punteggio pratico guida di viaggio.
✔️ Hai bisogno di uno zaino o di una valigia? Offerte qui.
✔️ regalo? Sto regalando 500 volte 10 euro!

Traduci »
Copia link