WERELDREIZIGERS.NL
Un curioso bufalo a Murchison Falls
Casa » Africa » Uganda » Africa orientale in scooter | Parte 12 | Parco Nazionale delle Cascate Murchison – Purongo (50 km)

Africa orientale in scooter | Parte 12 | Parco Nazionale delle Cascate Murchison – Purongo (50 km)

Chi osa percorrere più di 3.000 chilometri in scooter attraverso l'Africa orientale? Visitare i gorilla di montagna? Safari in scooter (esiste questa parola?) in cinque parchi nazionali? Per ammirare da vicino, tra le altre cose, leoni, bufali, ippopotami ed elefanti. Mi chiamo Eric e mi piace viaggiare su uno scooter. Leggi qui la parte 12 del resoconto unico di un'incredibile avventura in scooter Uganda, Ruanda en Kenia. Nella dodicesima parte di questo viaggio incontro il becco a scarpa al Lago Albert e vivo alcuni momenti pericolosi dopo essere caduto dal mio scooter in Murchison Ftutto il Parco Nazionalerc.

Leggi anche:

Africa orientale in scooter | Parte 1 | Da Kampala a Kigali (180 km)
Africa orientale in scooter | Parte 2 | Bugala – Lago Mburo (170 km)
Africa orientale in scooter | Parte 3 | Parco Nazionale del Lago Mburo – Kabale (230 km)
Africa orientale in scooter | Parte 4 | Trekking Kabale – Ruhija – Gorilla (50 km)
Africa orientale in scooter | Parte 5 | Bwindi – Kabale – Kigali (160 km)
Africa orientale in scooter | Parte 6 | Memoriale del genocidio di Kigali – Kabale

Africa orientale in scooter | Parte 7 | Kabale – Parco Nazionale della Regina Elisabetta (175 km)
Africa orientale in scooter | Parte 8 | Queen Elizabeth NP – Fort Portal (120 km)
Africa orientale in scooter | Parte 9 | Portale forte – Muhorro (100 km)

Africa orientale in scooter | Parte 10 | Muhorro – Hoima (100 km)
Africa orientale in scooter | Parte 11 | Hoima – Parco Nazionale delle Cascate Murchison (120 km)

Lake Albert, alla ricerca del becco a scarpa

Il proprietario della mia pensione mi consiglia di guidare fino a Wanseko alla ricerca dell'illustre cicogna dal becco a scarpa. «Puoi camminare lungo il Nilo qui e cercare di avvistare quell'uccello. Tuttavia, hai le migliori possibilità nel luogo in cui il Nilo sfocia nel Lago Albert. Chiedi in giro a Wanseko, perché c'è sempre un pescatore disposto a portarti.'

Rifornimento a Wanseko per la gita in barca sul Lago Albert
Rifornimento a Wanseko per la gita in barca sul Lago Albert

Un buon consiglio non deve essere costoso. Su una strada sterrata stretta ma buona (in caso di pioggia questa strada è impraticabile) guido in mezz'ora fino al villaggio di pescatori di Wanseko sulla riva del lago Albert. Non devo cercare un pescatore per una gita sul lago. I pescatori vengono da me. C'è già una barca pronta, ma a causa della mancanza di turisti ci vuole un po' prima che la guida William si presenti.

Un becco a scarpa sulla riva del lago Albert
Un becco a scarpa nella prateria tra il Nilo e il Lago Albert

Il lago Albert non è affatto piccolo con una lunghezza di 160 km e una larghezza di 30 km. Quasi la metà del lago si trova in Congo. La guida William prima mi indirizza verso un piccolo motoscafo. Con ciò salpiamo verso il motoscafo coperto più grande, che è ancorato nel lago.

Pescatori congolesi nel lago Albert
Pescatori congolesi nel lago Albert

Dieci minuti dopo è già ora. «Questa è principalmente l'area in cui nidificano le felci a becco a scarpa. Guarda, ce n'è uno.' Una cicogna dal becco a scarpa sporge con la sua testa particolare sopra l'erba alta sulle rive del Nilo.

Dopo questo incontro speciale salpiamo verso una canoa, nella quale due ragazzi congolesi mostrano con orgoglio il loro pescato. In ogni caso, c'è abbondanza di pesca. «Guarda, ce ne sono due che pescano in una parte poco profonda del lago. Non hanno paura dei coccodrilli e degli ippopotami. Si verificano in gran numero nel lago Albert.'

Pescato del giorno nel lago Albert
Pescato del giorno nel lago Albert

Una gita in barca alla cascata di Murchison

È qualcosa di diverso da un safari in scooter; la gita in barca alle famose Murchison Falls. Le cascate sono apparse nel film del 1951 The African Queen con Katharine Hepburn e Humphrey Bogart. La barca salpa a monte verso le cascate per oltre un'ora e mezza. I coccodrilli oziano al sole e gli ippopotami allungano regolarmente le loro enormi bocche sopra l'acqua. Un falco pescatore africano si appollaia su un ramo per un gustoso pesce nel Nilo.

Un falco pescatore africano si nasconde per un pesce nel Nilo alle Murchison Falls
Un falco pescatore africano si nasconde per un pesce nel Nilo alle Murchison Falls

Sfortunatamente, la barca non si avvicina molto alla cascata. La forza dell'acqua è troppo forte per quello.

Cascata Murchison dalla barca
Cascata Murchison dalla barca

Un incidente in scooter nel parco

Sulla mappa ho selezionato i miei possibili percorsi sulla strada per il Parco Nazionale di Kidepo. Kidepo si trova nell'estremo nord dell'Uganda e dista più di 350 km. Sono ormai le cinque e mezza e oggi non andrò molto lontano. Secondo il ranger del parco posso arrivare a Gulu, ma poi devo guidare molto. Via Pakwach sono 145 km. Per questo devo prima attraversare il parco per oltre 30 km sulla strada sterrata, che ho percorso anche ieri. Oppure prenderò una scorciatoia per l'uscita Wankwar. Ciò consente di risparmiare 25 km. «Quella strada è buona. Ma vedi quelle nuvole scure?'

La strada sterrata rossa verso Wankwar Gate, Murchison Falls NP
La strada sterrata rossa verso Wankwar Gate, Murchison Falls NP

È un azzardo, ma ci proverò. La strada è già difficile dopo dieci chilometri. Laddove la pista Paraa - Pakwach attraversa un'area aperta della savana, l'erba è troppo alta qui. Niente viene da un safari. Le nuvole si fanno sempre più vicine e poi inizia a piovere. Sono le sette e mezza e non ho molto tempo a disposizione. Tra mezz'ora sarà buio pesto.

'Wanwar Gate 10 km' ho letto su un cartello. Un chilometro dopo inizio a scivolare. A causa della pioggia, la carreggiata sul sentiero sabbioso non è più visibile. Guido a malapena 20 km all'ora e cerco di rallentare. Non salterà giù. Se non riesco a tenere il passo con lo scooter o se scivolo nella melma, il mio scooter è rotto. Lo zaino con tutte le mie cose rimarrà intatto? Il mio Macbook probabilmente non sopravviverà.

Mi passa tutto per la testa in una frazione di secondo. Decido di optare per una caduta controllata. Significa che guido lo scooter sul bordo a bassa velocità. Lo scooter mi cade addosso e una sbarra appuntita dal cavalletto si è conficcata nel mio piede sinistro.

Lì mento. Non riesco a far muovere lo scooter. Provo a sollevarlo leggermente per togliere la barra dal mio piede. Dopo circa cinque minuti mi arrendo temporaneamente. Poi alzo lo sguardo e fisso gli occhi di un elefante adulto. L'elefante sta a una decina di metri e non si muove più. Sto immobile e non posso fare nulla. Stranamente, non c'è panico. Mi rassegno al mio destino. L'elefante fa un altro passo o due verso di me. Adesso ha sicuramente visto me e il mio scooter. Di nuovo si ferma e agita la proboscide verso un cespuglio. Poi decide di camminare nella direzione opposta. Pffff…

Purongo, la mattina dopo
Purongo, la mattina dopo

Si sta facendo buio. Mi fa un po' male il piede. Non riesco a ottenere alcun movimento nello scooter. Ora avverto il pericolo dall'altra parte della strada. Lo colpirò. Per tutto il tempo non ho visto alcun segno di vita e ora colpisce due volte in cinque minuti. Questa volta è un bufalo adulto. Con l'elefante e l'ippopotamo, il bufalo è il trio più pericoloso che non vorresti incontrare quando sei sotto uno scooter. In genere hai meno da temere dai leoni, dai leopardi e, in misura minore, dalle iene.

Ho già una certa esperienza con il bufalo. Ad esempio, nella regina Elisabetta ricordo una mandria di circa 100 bufali. Erano a una trentina di metri di distanza, mentre io ero sceso dallo scooter per una foto o due. Il capo ha poi iniziato a camminare verso di me. Un ranger del parco mi aveva già insegnato come comportarmi. 'Mantieni la calma, perché i bufali sentono molto bene, ma la loro vista è limitata. Quindi ti sentono, ma non ti vedono. Quindi si avvicinano per assicurarsi che tu non sia una minaccia per loro. Non saltare, urlare o cercare freneticamente di allontanarsi con lo scooter. È più veloce di quanto pensi».

Le sue parole adesso non hanno molto valore, perché comunque scappare con lo scooter non è un'opzione. Ci sono sotto e non posso muovermi. Il bufalo cammina nella mia direzione e scruta. Una decina di metri. Non è molto di più. Nel frattempo sono riuscito a liberare il piede. Il bar è fuori e anche il sangue. Che schizza fuori. Il bufalo esita un momento e poi scompare nell'erba alta.

Piccola riparazione allo scooter a Purongo
Piccola riparazione allo scooter a Purongo

Molto lentamente allontano lo scooter da me. Mi alzo e sento dolore ovunque. Ho bisogno di qualche minuto per riprendermi un po'. Prendo atto che il mio bagaglio non è danneggiato. A parte il fango che c'è sopra. Metto lo scooter sul cavalletto. Trattengo il respiro mentre tiro il freno a mano e giro la chiave di accensione. Qualche scoppietta e poi il motore gira costantemente.

La ferita dell'incidente in scooter a Murchison Falls NP
La ferita dell'incidente in scooter a Murchison Falls NP

Nel buio pesto guido principalmente al tatto. Mi ci vuole più di mezz'ora per guidare gli ultimi sette chilometri fino all'uscita. "Mzungu, sei in ritardo." Il ranger del parco accende la torcia. 'Perchè sei così in ritardo? E che cos'è? Un piki piki?' Indico il mio piede sinistro. 'Dannazione. È uno sbadiglio serio. Avuto un incidente?' Annuisco. 'Sei fortunato. Purongo è a sette chilometri da qui. Quando arrivi all'incrocio a T, vai dritto dall'altra parte. È lì che si trova la nostra postazione medico. Guarisci presto mzungu.'

Pronto soccorso in caso di incidenti e 'ritorno' ad Amsterdam

Sono quasi le nove quando inciampo nello studio del dottore in pantofole. Il dottore mi guarda preoccupato. 'Che cosa c'è che non va? Ok, lo vedo già. Vai a sdraiarti sulla barella.'

Il conto della clinica medica del Nilo a Purongo
Il conto della clinica medica del Nilo a Purongo

Il dottore chiama il suo assistente e dà alcune istruzioni. Per dieci minuti pulisce tutto dentro e intorno alla ferita. Poi una benda gli gira intorno e come buttafuori mi metto una siringa nel culo. Il medico ha ora addebitato il conto. "20.000 scellini per favore." Aggiunge qualche altra scatola di bende. "Oh sì, e passa domani mattina per un controllo." Che affare, credo. Tanto servizio per appena quattro euro.

Il dottore mi stringe la mano e mi chiede: "Dove dormi comunque?" 'Nessuna idea.' «Sorella, portalo dai nostri vicini. Devono avere una stanza per lui lì». I vicini gestiscono una pensione. La sorella si saluta davanti al sipario che funge da ingresso. "Guarisci presto e ci vediamo domani." Dietro la tenda c'è una scrivania con due ragazze dietro e alcune bottiglie di birra. Mi danno la chiave della camera, una saponetta e un asciugamano. "La tua stanza è la quarta da destra dopo Copenaghen, Washington e Montevideo."

Il bar della foresteria a Purongo, la mattina dopo
Il bar della foresteria a Purongo, la mattina dopo

Cammino a destra del cortile, dove una ventina di giovani uomini e donne siedono intorno a pochi tavoli a bere birra. La musica ad alto volume si sente da un beatbox. Com'è possibile?, penso tra me e me. La quarta stanza dopo Copenaghen, Washington e Montevideo è Amsterdam. Sì! Per inciso, "stanza" è una descrizione alquanto eufemistica della cuccia dove c'è un materasso sporco e un sacco di zanzare che ronzano intorno.

Alla reception sento dire che non c'è cibo disponibile. "Cosa vuoi davvero mangiare?" 'Non importa. Pollo o qualcosa del genere.' "Dammi 10.000 scellini e te ne darò un po'."

Dopo un delizioso stufato con pollo e riso, inciampo ad Amsterdam. Finalmente a casa'.

Leggi anche:

Africa orientale in scooter | Parte 1 | Da Kampala a Kigali (180 km)
Africa orientale in scooter | Parte 2 | Bugala – Lago Mburo (170 km)
Africa orientale in scooter | Parte 3 | Parco Nazionale del Lago Mburo – Kabale (230 km)
Africa orientale in scooter | Parte 4 | Trekking Kabale – Ruhija – Gorilla (50 km)
Africa orientale in scooter | Parte 5 | Bwindi – Kabale – Kigali (160 km)
Africa orientale in scooter | Parte 6 | Memoriale del genocidio di Kigali – Kabale

Africa orientale in scooter | Parte 7 | Kabale – Parco Nazionale della Regina Elisabetta (175 km)
Africa orientale in scooter | Parte 8 | Queen Elizabeth NP – Fort Portal (120 km)
Africa orientale in scooter | Parte 9 | Portale forte – Muhorro (100 km)

Africa orientale in scooter | Parte 10 | Muhorro – Hoima (100 km)
Africa orientale in scooter | Parte 11 | Hoima – Parco Nazionale delle Cascate Murchison (120 km)

Eric su uno scooter in Uganda

Eric

Com'è guidare per più di 10.000 chilometri in Madagascar su uno scooter acquistato localmente? O su un pikipiki (scooter in swahili) attraverso l'Africa orientale? In più di 20 anni ho visitato più di 100 paesi. Ciò ha portato a molte esperienze di viaggio inestimabili, che vorrei condividere con voi.

ERIC – OLTRE 100 PAESI
– Attualmente in Kenya.
– Condividi esperienze di viaggio uniche.
– Destinazioni preferite: Madagascar, Uganda, Giappone, India e Colombia.

Hai visto un errore? Chiedere? Nota? Fateci sapere nei commenti!

Scritto da:

Eric su uno scooter in Uganda

Eric

CERCATO

LISTA DI CONTROLLO DI VIAGGIO

✔️ Questa assicurazione di viaggio copre anche le aree arancioni.
✔️ Confronta e prenota il biglietti aerei più economici.
✔️ Risparmia e prenota al meglio attività.
✔️ Più hotel? Allora prenota con 20% di sconto Genius.
✔️ Risparmia e prenota il tuo aeroporto parcheggio.
✔️ Roadtrip? Confronta e prenota uno sconto auto a noleggio.
✔️ Prepararsi per un viaggio? Punteggio pratico guida di viaggio.
✔️ Hai bisogno di uno zaino o di una valigia? Offerte qui.
✔️ regalo? Sto regalando 500 volte 10 euro!

Traduci »
Copia link