WERELDREIZIGERS.NL
Piantagione di tè Tamteco Hoima, Uganda
Casa » Africa » Uganda » Africa orientale in scooter | Parte 9 | Portale forte – Muhorro (100 km)

Africa orientale in scooter | Parte 9 | Portale forte – Muhorro (100 km)

Chi osa percorrere più di 3.000 chilometri in scooter attraverso l'Africa orientale? Visitare i gorilla di montagna? Safari in scooter (esiste questa parola?) in cinque parchi nazionali? Per ammirare da vicino, tra le altre cose, leoni, bufali, ippopotami ed elefanti. Mi chiamo Eric e mi piace viaggiare su uno scooter. Leggi qui la parte 9 del resoconto unico di un'incredibile avventura in scooter Uganda, Ruanda en Kenia. Nella nona parte di questo viaggio guido da Fort Portal a Muhorro, un viaggio di circa 100 chilometri.

Leggi anche:

Africa orientale in scooter | Parte 1 | Da Kampala a Kigali (180 km)
Africa orientale in scooter | Parte 2 | Bugala – Lago Mburo (170 km)
Africa orientale in scooter | Parte 3 | Parco Nazionale del Lago Mburo – Kabale (230 km)
Africa orientale in scooter | Parte 4 | Trekking Kabale – Ruhija – Gorilla (50 km)
Africa orientale in scooter | Parte 5 | Bwindi – Kabale – Kigali (160 km)
Africa orientale in scooter | Parte 6 | Memoriale del genocidio di Kigali – Kabale
Africa orientale in scooter | Parte 7 | Kabale – Parco Nazionale della Regina Elisabetta (175 km)
Africa orientale in scooter | Parte 8 | Queen Elizabeth NP – Fort Portal (120 km)
Africa orientale in scooter | Parte 9 | Portale forte – Muhorro (100 km)

Benvenuti nella terra del tè, delle scimmie e della pioggia

Fort Portal è la base ideale per visitare un numero considerevole di riserve naturali. Nelle vicinanze si trovano una serie di laghi craterici, il Parco nazionale di Kibale en Parco Nazionale Semuliki. Quasi in nessuna parte del mondo ci sono così tante specie di scimmie diverse come qui. Inoltre, la città è il centro di una vasta cultura del tè.

Vista di Fort Portal dal mio hotel
Vista di Fort Portal dal mio hotel

Sfortunatamente, il mio soggiorno a Fort Portal non è stato un successo clamoroso. Nei due giorni in cui sono lì, la pioggia mi gioca brutti scherzi. Dopo un giro di 35 km apprendo al centro visitatori del Parco Nazionale di Kibale che non ci sono trekking per gli scimpanzé. Kibale è il posto giusto per vedere questi mostri allo stato brado. In nessun luogo la possibilità di un incontro è così grande.

'Ha piovuto così tanto che è impossibile passare nella foresta pluviale tropicale. Abbiamo anche annullato il sorteggio di domani mattina.' Non appena il ranger del parco ha pronunciato le parole, ricomincia a piovere.

I raccoglitori di tè ruandesi depositano il loro raccolto nel ritiro a Fort Portal
I raccoglitori di tè ruandesi depositano il loro raccolto nel ritiro a Fort Portal

Il secondo giorno decido di stare più vicino a casa. Appena fuori Fort Portal ammiro i raccoglitori di tè. Entro in una conversazione con loro e sono stupito che si rivelino tutti dal Ruanda. "I ruandesi sono grandi lavoratori", sento da un raccoglitore di tè. «Sì, e gli ugandesi non ne hanno più voglia. Lavoriamo per salari che non accettano più. Ma cosa dobbiamo fare? Non c'è lavoro in Ruanda».

Il Palazzo del Regno di Tooro

A Fort Portal osservo il palazzo dei Tooro. Il re Oyo Nyimba Kabamba Iguru Rukidi IV è all'estero e una guardia è disposta a farmi vedere in giro per qualche migliaio di scellini ugandesi. Non devo stare con lui per nessuna spiegazione, perché è costantemente al telefono con sua suocera.

La guardia del palazzo di Tooro a Fort Portal chiama sua suocera
La guardia del palazzo di Tooro a Fort Portal chiama sua suocera

Breve storia dei regni in Uganda

Quando gli inglesi annetterono l'Uganda come protettorato nel 1894, questo inizialmente riguardava solo il regno di Buganda. Successivamente, gli inglesi hanno annesso altri regni e territori circostanti. Fino a quando da qualche parte negli anni '1920 non sorse l'Uganda con i confini di oggi.

Dopo l'indipendenza dell'Uganda nel 1962, i principati rimasero inizialmente intatti. Furono temporaneamente aboliti nel 1967. Il presidente Museveni ha deciso nel 1993 di riconoscere nuovamente quattro dei cinque principati.

La posizione dei cinque regni dell'Uganda
La posizione dei cinque regni dell'Uganda

Quindi oggi ci sono 'ufficialmente' quattro regni in Uganda, che in realtà hanno una funzione puramente cerimoniale:

  • Buganda, capitale Kampala (8 milioni);
  • Busoga, capitale Bugembe vicino a Jinja (3 milioni);,
  • Bunyoro, capitale Hoima (1,4 milioni);
  • Tooro, capitale Fort Portal (1 milione).

Solo il regno di Ankole con capitale Mbarara (4,1 milioni) non è stato ristabilito dal presidente Museveni.

Palazzo Tooro a Fort Portal
Palazzo Tooro a Fort Portal

Uno sguardo all'interno del palazzo con lo sponsor Gheddafi

Non c'è molto da vedere. Ci sono alcuni ritagli di giornale che sono abituato a vedere in posti come questo. Con principalmente quelle foto in cui il re è raffigurato con un topper diverso. Ad esempio, il presidente dell'Uganda, Museveni, ha visitato alcune volte.

Un altro 'topper' è il colonnello Gheddafi, l'ex leader della Libia. Gheddafi fu anche patrono del regno di Tooro. Ha finanziato gran parte del restauro del palazzo.

Gheddafi è stato anche colui che ha donato all'Uganda la bellissima moschea di Kampala. Fino alla sua morte nel 2013, la Moschea Nazionale dell'Uganda era conosciuta come la Moschea Nazionale di Gheddafi.

Moschea nazionale dell'Uganda (ex Moschea nazionale di Gheddafi) a Kampala
Moschea nazionale dell'Uganda (ex Moschea nazionale di Gheddafi) a Kampala

Bloccato a Muhorro

Trascorro la mattinata a Fort Portal meravigliosamente rilassato. Basta andare al mercato e fare una bella chiacchierata con questo e quello. Va tutto bene. Ops, sono già tra un'ora o due. Tempo di andare. Come posso ancora raggiungere la mia destinazione di viaggio prevista, Hoima, a più di 200 chilometri di distanza in scooter? Allora tutto deve andare bene. E non è questo.

Dopo quindici minuti c'è già il ritardo necessario. Riesco a malapena a schivare una barricata della polizia. Hallelujah. Se l'avessi superato... Il poliziotto locale di turno mi fa i complimenti un po' più tardi. «Per fortuna non ti strappi come tutti gli altri. Potrebbero prendere esempio da te.'

Una barricata chiodata sulla strada a Fort Portal
Una barricata chiodata sulla strada a Fort Portal

La paura è altrettanto buona. Poi riesco a riprendere velocità per impantanarmi letteralmente in lavori stradali a 20 chilometri di distanza. Non c'è quasi niente da fare. La sabbia rossa è bagnata e scivolosa. Passo dopo passo ce la faccio.

Lavori in corso sulla A109 in direzione Rugombe
Lavori in corso sulla A109 in direzione Rugombe

Bene e poi prendo l'uscita a Kyenjojo. La strada asfaltata, mal tenuta, lascia il posto a una sterrata di sabbia rossa. Sfortunatamente, questa strada non è stata battuta da molto tempo. Più volte devo tirare fuori tutte le fermate per non perdermi nella sabbia smossa.

Amichevoli residenti del villaggio di Kikoroba
Amichevoli residenti del villaggio di Kikoroba

Alle sei e mezza mi fermo a un matatu parcheggiato sulla strada per un problema alle gomme. "Sai se ci sarà un villaggio dove posso dormire?" 'Muhorro è a circa 20 km da qui. Se sei fortunato, arriverai asciutto.'

Nubi scure e un matatu con problemi alle gomme
Nubi scure e un matatu con problemi alle gomme

Eccomi nella terra di nessuno. La pioggia sta cadendo dal cielo. La strada sterrata rossa si è trasformata in uno scivolo. Mi maledico per un'ora. Che diavolo sto facendo? Ho intenzione d'ora in poi di informarmi sulle condizioni della strada prima della partenza e di tenere d'occhio il meteo.

Il tutto sapendo che meno del dieci per cento di tutte le strade in Uganda sono asfaltate. Non tutte queste strade sono in buone condizioni. A volte è ancora meglio guidare su una strada ben tenuta con ghiaia, laterite o sabbia rossa (strada murram nell'Africa orientale). Non importa molto quando piove. In scooter il credo è: aspettare che passi la pioggia. La strada si asciuga rapidamente nel clima tropicale.

Si fa buio e la pioggia si placa. Decido di proseguire a passo di lumaca.

Maltempo sulla strada per Muhorro
Maltempo sulla strada per Muhorro

Dopo aver guidato un'ora e mezza al buio, sono arrivato nel villaggio di Muhorro. Prendo la residenza presso l'Highway Standard Hotel & Lodge. Dov'è quell'autostrada? Non ne ho proprio idea.

Muhorro Highway Standard Hotel & Lodge
Muhorro Highway Standard Hotel & Lodge

Alla luce del giorno l'"autostrada" sembra essere poco più di un'ampia strada sterrata rossa. Ci sono molte pozzanghere su di esso come segno che deve aver versato molto durante la notte. Una breve passeggiata attraverso Muhorro mi dice che quasi nessun turista viene qui. Tutti i bambini mi fissano sbalorditi e alcuni addirittura fuggono in preda al panico quando vedono quell'uomo bianco alto.

Bobi Wine, Kagadi e arrancando verso Hoima

Suggestivo è lo striscione appeso tra alcuni pannelli informativi arrugginiti e appena leggibili. Si può leggere che il MP Bobi Wine si esibirà con la sua Fire Base Crew e Solid Band nella vicina Kagadi.

Banner annuncio performance Bobi Wine e la band
Banner annuncio performance Bobi Wine e la band

Bobi Wine è il nome d'arte di Robert Kyagulanyi Ssentamu. È immensamente popolare come cantante in Uganda e nel resto dell'Africa orientale. Bobi è anche una star del cinema e un politico di successo. Ad aprile 2017, ad esempio, è stato eletto deputato a larga maggioranza. La sua popolarità non è ben accolta da tutti. Il presidente Museveni, che è presidente dell'Uganda dal 1986, non gli vuole molto bene.

Cosa potrebbe esserci di più divertente che ascoltare questa parte con uno dei più grandi successi di Bobi Wine: Kyarenga?

E poi è il momento di andare avanti...

Leggi anche:

Africa orientale in scooter | Parte 1 | Da Kampala a Kigali (180 km)
Africa orientale in scooter | Parte 2 | Bugala – Lago Mburo (170 km)
Africa orientale in scooter | Parte 3 | Parco Nazionale del Lago Mburo – Kabale (230 km)
Africa orientale in scooter | Parte 4 | Trekking Kabale – Ruhija – Gorilla (50 km)
Africa orientale in scooter | Parte 5 | Bwindi – Kabale – Kigali (160 km)
Africa orientale in scooter | Parte 6 | Memoriale del genocidio di Kigali – Kabale
Africa orientale in scooter | Parte 7 | Kabale – Parco Nazionale della Regina Elisabetta (175 km)
Africa orientale in scooter | Parte 8 | Queen Elizabeth NP – Fort Portal (120 km)
Africa orientale in scooter | Parte 9 | Portale forte – Muhorro (100 km)

Eric su uno scooter in Uganda

Eric

Com'è guidare per più di 10.000 chilometri in Madagascar su uno scooter acquistato localmente? O su un pikipiki (scooter in swahili) attraverso l'Africa orientale? In più di 20 anni ho visitato più di 100 paesi. Ciò ha portato a molte esperienze di viaggio inestimabili, che vorrei condividere con voi.

ERIC – OLTRE 100 PAESI
– Attualmente in Kenya.
– Condividi esperienze di viaggio uniche.
– Destinazioni preferite: Madagascar, Uganda, Giappone, India e Colombia.

Hai visto un errore? Chiedere? Nota? Fateci sapere nei commenti!

Scritto da:

Eric su uno scooter in Uganda

Eric

CERCATO

LISTA DI CONTROLLO DI VIAGGIO

✔️ Questa assicurazione di viaggio copre anche le aree arancioni.
✔️ Confronta e prenota il biglietti aerei più economici.
✔️ Risparmia e prenota al meglio attività.
✔️ Più hotel? Allora prenota con 20% di sconto Genius.
✔️ Risparmia e prenota il tuo aeroporto parcheggio.
✔️ Roadtrip? Confronta e prenota uno sconto auto a noleggio.
✔️ Prepararsi per un viaggio? Punteggio pratico guida di viaggio.
✔️ Hai bisogno di uno zaino o di una valigia? Offerte qui.
✔️ regalo? Sto regalando 500 volte 10 euro!

Traduci »
Copia link