WERELDREIZIGERS.NL
Casa » Europa » Italia » Roadtrip attraverso il Sud Italia | Diario di viaggio NoFear con camper 4×4

Roadtrip attraverso il Sud Italia | Diario di viaggio NoFear con camper 4×4

Dopo il nostro siciliano 4×4 roadtrip Finita l'avventura abbiamo preso il traghetto da Messina a Villa San Giovanni. Era solo una breve traversata verso la terraferma per prendere il nostro roadtrip per proseguire con un camper 4×4 nel sud Italia. Nella città portuale facciamo prima scorta di provviste per circa sette giorni al supermercato e fruttivendolo locale.

Nel piede (anteriore) dello stivale ci sono circa 5 parchi nazionali di fila. Il nostro obiettivo è fare una lunga passeggiata nel primo parco. Direttamente da Villa San Giovanni prendiamo strade di montagna strette e tortuose mentre i panorami sulla Calabria diventano sempre più belli. Segue poi una fitta e scura pineta dove regolarmente bisogna togliere i rami per proseguire la strada senza troppi danni. Più tardi diventa di nuovo più aperto. Sono appena entrato nel Parco Nazionale Quando siamo arrivati ​​avvistiamo uno scoiattolo nero calabrese.

Leggi anche: Roadtrip di Sardegna | Diario di viaggio NoFear con camper 4×4
Leggi anche: Roadtrip di Sicilia | Diario di viaggio NoFear con camper 4×4

1. Sulla strada per il Parco Nazionale dell'Aspromonte

La nostra navigazione ci porta su una strada che, secondo un segnale stradale, finisce in un vicolo cieco lungo la strada. Curiosi come siamo, ci proviamo comunque… La strada di montagna sembra essere stata poco utilizzata per anni. È pieno di massi e i rami strapiombanti rendono la guida piuttosto impegnativa. Superiamo un viadotto e un tunnel crollato.

Roadtrip Sud Italia | Tunnel bloccato
Roadtrip Sud Italia | Tunnel bloccato

È possibile passare attraverso una tangenziale. Ma a un certo punto dobbiamo arrenderci. Un enorme masso blocca la strada. Poco più avanti vediamo che si è verificata una grande frana, che ha reso la strada completamente impraticabile.

Roadtrip Sud Italia | Strada bloccata attraverso grossi pezzi di roccia
Roadtrip Sud Italia | Strada bloccata da massi
Roadtrip Sud Italia | una frana ha distrutto la strada
Roadtrip Sud Italia | una frana ha distrutto la strada

Qui assistiamo ancora una volta alla forza della terra e all'erosione. Gran parte del pendio è stato spinto verso il basso. La ricerca ci dice che questo è già avvenuto nel 2015. Ora sappiamo per certo che non possiamo andare oltre. Poiché si sta facendo tardi, decidiamo di parcheggiare il camper qui in mezzo alla strada di montagna e di pernottare. La nostra curiosità alla fine ci porta in un luogo "mondano".

2.Tropea

Dopo una lunga escursione nel Parco Nazionale, pernottiamo in un paese costiero chiamato San Ferdinando. C'è un bel viale, completo di palme. L'ampia e pulita spiaggia sabbiosa è bellissima, ma completamente deserta. Quell'"estinto" vale anche per il villaggio dietro di esso. Gli edifici crollati e le strade dissestate indicano che qui la prosperità ha un significato diverso. Restiamo lì per la notte e incontriamo un uomo che ci racconta nella lingua dei segni di un paese a 30 chilometri di distanza: Tropea.

Il castello di Tropea
Il castello di Tropea
peperoni rossi
peperoni rossi

Inoltre, è molto entusiasta del nostro camper e vorrebbe sedersi al volante per un po'. Decidiamo di dare un'occhiata a Tropea. Si scopre essere un villaggio imponente, posto su una roccia alta 60 metri. Poco prima della costa - e quindi davanti al paese - una roccia calcarea svetta sul livello del mare con in cima un castello. Verso la costa, la spiaggia sabbiosa è pulita e attraente.

Spiaggia di Tropea | Roadtrip Sud Italia
Spiaggia di Tropea | Roadtrip Sud Italia
Visualizza durante il nostro roadtrip attraverso il Sud Italia
Vista a Tropea durante la ns roadtrip attraverso il Sud Italia

Il villaggio stesso ha strade accoglienti con un negozio di souvenir qua e là, ma anche molte belle terrazze, ristoranti e deliziosi gelati in varie gelaterie. La sera c'è una suggestiva musica dal vivo dalle varie piazze. Da una delle piazze si può affacciarsi sulla spiaggia e vedere in lontananza il castello. Raramente abbiamo visto un villaggio così fotogenico. Perché siamo qui all'inizio di ottobre, c'è un clima perfetto, circa 25 gradi e la folla non è così male. Probabilmente saremmo fuggiti rapidamente qui ad agosto.

3. Cipolla dolce calabrese

A Tropea entriamo in contatto con una cipolla molto speciale. È dolce! La cipolla è unica nella regione ed è anche usata per fare la marmellata. Naturalmente viene utilizzato anche in molti piatti tipici calabresi.

Cipolla dolce calabrese
Cipolla dolce calabrese

4. Autunno in Calabria

Ormai è l'inizio di ottobre e i primi segni di autunno sono visibili anche nel sud Italia. Nei parchi nazionali ad altitudini comprese tra 900 e 2200 metri la temperatura è notevolmente più fresca che nelle parti più basse lungo la costa. Il sole sta ancora facendo del suo meglio, ma non riesce più a raggiungere i 20 gradi a queste altezze. Il sole al 100% non è più una cosa ovvia e riceviamo di nuovo il "radar precipitazioni" dalla stalla per controllare.

Autunno in Calabria | Roadtrip attraverso il sud Italia con un camper 4x4
Autunno in Calabria | Roadtrip attraverso il sud Italia con un camper 4×4

Sia nel Parco Nazionale della Sila che nel NP Del Pollino si fanno svelte passeggiate, dove si sale sulla montagna più alta del massiccio del NP Del Pollino, il Monte Serra Dolcedorme (2267 m).

Castagne dolci sott'olio d'oliva
Castagne dolci sott'olio d'oliva

Vediamo le foglie degli alberi cambiare colore con attenzione e le prime cadono effettivamente a terra. Le ombre si allungano ogni giorno e alle 6:XNUMX dovresti aver trovato un posto per la notte, se vuoi sapere dove stai dormendo prima che faccia buio. Non è affatto un problema trovare un pernottamento selvaggio in un parco nazionale in questo periodo dell'anno, è meravigliosamente tranquillo. In un posto del genere ci godiamo il nostro nuovo hobby: caldarroste in olio d'oliva, quanto italiano le vuoi?

5. Puglia, il tacco dello stivale

Continuiamo il nostro roadtrip attraverso l'Italia meridionale verso la Puglia, nel tacco dello stivale. Il tacco dello stivale è conosciuto come la regione meno prospera d'Italia. Siamo curiosi di sapere cosa significa! In ogni caso, nella città di Matera sanno vendere in chiave turistica la loro storia splendidamente conservata. Vale sicuramente la pena visitare questa città speciale.

Puglia | Roadtrip attraverso il sud Italia con un camper 4x4
Matera, Puglia | Roadtrip attraverso il sud Italia con un camper 4×4
Puglia | Roadtrip attraverso il sud Italia con un camper 4x4
Matera, Puglia | Roadtrip attraverso il sud Italia con un camper 4×4

Nel vecchio centro storico troverai così tante stradine e scale che hai la sensazione di trovarti in un labirinto. In periferia si trovano diverse antiche abitazioni rupestri, molte delle quali ancora abitate. Le grotte spesso contengono solo una porta d'ingresso, quindi è buio e fresco all'interno. Bello nelle calde giornate estive.

Consiglio: leggi anche il blog con il luoghi più belli di Matera di Ciaotutti.

6. Puglia – Entroterra

Il tacco dello stivale italiano è molto meno montuoso dell'avampiede (Calabria). Nella parte settentrionale della Puglia si vede molta frutticoltura e agricoltura. Percorriamo spesso piccole strade tra viti, ulivi e altri alberi da frutto. Il terreno argilloso è molto fertile.

Uva
Uva
Roadtrip Sud Italia | Trascorrere la notte con il nostro camper 4x4 tra gli alberi da frutto
Roadtrip Sud Italia | Trascorri la notte con il nostro camper 4×4 tra gli alberi da frutto

Possiamo passare la notte qui un paio di volte pacificamente tra tutti quei raccolti sani. Qui vediamo anche ulivi secolari, secondo il sentito dire, gli ulivi possono crescere fino a 3000 in queste regioni! diventare anno.

Olivi ben curati
Olivi ben curati

Camminiamo su strade secondarie di villaggio in villaggio. Più andiamo a sud, più l'ambiente diventa austero e disordinato. Le condizioni delle strade e dei segnali stradali qui, ad eccezione delle strade di passaggio, non sono buone. Gli edifici sono vecchi, incompiuti, in procinto di crollare o sono crollati. Non ci sono quasi dubbi sulla rigogliosa coltivazione della frutta.

Il paesaggio qui è costituito da campi scarsamente mantenuti con tramezzi di muri fatiscenti, coltivati ​​a (vecchi) ulivi. Alcune città costiere beneficiano dell'attrazione del mare. Qui troverete ancora un po' di vivacità della popolazione locale.

7. Grotte e bauxite

Guidiamo lungo la costa adriatica e vediamo molti complessi di appartamenti, hotel e spiagge. La maggior parte è chiusa in ottobre. In questa parte della costa troverai anche diverse grotte accessibili, alcune a pagamento. Ad Otranto visitiamo un lago di bauxite, dove i diversi colori naturali formano un insieme sorprendente. La bauxite è la principale materia prima per la produzione di alluminio.

Il lago di bauxite di Otranto | Roadtrip Sud Italia
Il lago di bauxite di Otranto | Roadtrip Sud Italia

8. Lecce, Ostuni e Locorotondo

Continuiamo il nostro roadtrip attraverso l'Italia meridionale in direzione nord-ovest. Qui passiamo un certo numero di paesi in cui facciamo brevi visite. Lecce è il capoluogo della regione Puglia e quindi ha notevoli periferie. Nel centro storico siamo sorpresi dall'atmosfera accogliente e rilassata e dalle strade pulite. Ci sono molte antichità che vale la pena ammirare. I negozi sono spesso costituiti da simpatiche specialità invece che da famosi negozi di souvenir. Nella piazza centrale è stato scavato un antico anfiteatro. Questo dà un bel tuffo nel passato.

Anfiteatro di Lecce | Roadtrip Sud Italia
Anfiteatro di Lecce | Roadtrip Sud Italia

Naturalmente ci godiamo una tazza di caffè con un pasticciotti, dolce prelibatezza locale, su una terrazza.

Centro Storico di Ostuni
Centro Storico di Ostuni

Poco più avanti c'è il paese di Ostuni. È qui che vengono i turisti per le case imbiancate a calce. Da lontano, il paese si staglia sulla sommità della roccia e si distingue dal resto del territorio. Il villaggio ha belle stradine, scale e passaggi stretti. A giudicare dai negozi, dalle terrazze e dai ristoranti, qui devono fare affidamento sul turismo. Siamo felici di essere qui ad ottobre a circa 20 gradi, non dobbiamo pensare di girare da queste parti ad agosto a 35+.

Villette con tetto ovale e conico a Locorotondo
Villette con tetto ovale e conico a Locorotondo

Come ultima città per il momento, visitiamo Locorotondo. La zona qui è nota per i suoi trulli. Si tratta di case tipiche con tetti ovali e conici. Sono costruiti con pareti in muratura “a secco” (senza malta). I trulli sono nella Lista del Patrimonio Mondiale dell'UNESCO.

9. Ponte sulla luna

Siamo di nuovo pronti per qualcosa di sportivo e avventuroso. Tutte quelle città ci rendono assonnati. L'Italia è davvero un grande paese quando si tratta di vie ferrate. Cerchiamo la nostra attrezzatura da arrampicata e troviamo presto due tour magnifici.

Il ponte sospeso lungo 300 metri nel Sasso di Castalda
Il ponte sospeso lungo 300 metri nel Sasso di Castalda

I nostri sforzi sono ripagati da fantastici panorami sull'Appennino meridionale nei pressi del comune di Castelmezzano. Poco più avanti, nei pressi del paese di Sasso di Castalda, è stato realizzato nel 2016 un ponte sospeso lungo 300 metri. Gli hanno dato il nome appropriato 'Bridge to the Moon'. L'accesso è possibile solo acquistando un biglietto. Ma allora hai qualcosa! Il video qui sotto ti dà una buona idea della zona, vale la pena guardare! Oltre al ponte sospeso, nella stessa zona saliamo anche una Ferrata.

10. Monte Cervati

E poiché non basta, il giorno dopo si sale sul Monte Cervati (1899) nel Parco Nazionale del Cilento Vallo di Diano e Alburni.

La prima parte della passeggiata è una salita abbastanza ripida attraverso una faggeta scura. I sentieri poco battuti sono poco visibili. Ma con la nostra navigazione a piedi riusciamo a trovare la strada. Inaspettatamente passiamo davanti a un rifugio di montagna in questa fredda e nuvolosa giornata di ottobre.

Con nostra sorpresa, la porta è aperta. Il gestore sembra fare lavoretti e ha installato la stufa a legna. Ottimo, qui possiamo riscaldarci. Il manager chiede se dovrebbe fare del cibo. Beh, a noi sembra qualcosa. Poco dopo mangiamo la pasta al forno a legna, con un simpatico gestore del rifugio che racconta a lungo del Parco Nazionale.

Buon cibo al gestore del parco, davanti al forno a legna
Buon cibo al gestore del parco, davanti al forno a legna

Eppure, dopo un'ora e mezza, dobbiamo interrompere il divertimento inaspettato per gli ultimi metri verso la cima. Purtroppo la vista in alto è minima a causa del tempo nuvoloso. Dopo 2 ore di discesa raggiungiamo nuovamente il camper, dove ci risciacquiamo sotto la nostra doccia esterna.

11. Costiera Amalfitana

Visitiamo la Costiera Amalfitana sapendo che molto è stato scritto a riguardo e molti considerano questa la strada costiera più bella (del mondo). La famosa strada costiera parte dal comune di Salerno e si dirige verso ovest, sulla costa meridionale della Penisola Sorrentina. Si tratta infatti di una bella strada con panorami mozzafiato sull'acqua dove la ripida costa si erge dall'acqua con i villaggi "bloccati". La strada stessa è una sfida da percorrere a causa dei numerosi tornanti stretti dove si incontra regolarmente un autobus che suona il clacson.

Roadtrip Sud Italia | Costiera Amalfitana
Roadtrip Sud Italia | Costiera Amalfitana

Riescono comunque a passarsi a distanza di qualche centimetro l'uno dall'altro.
Oltre a percorrere il noto percorso, decidiamo di fare una passeggiata di una giornata.
Il Sentiero degli Dei, il sentiero degli dei.

Il lunedì mattina subito dopo l'alba si parte per una lunga passeggiata. Abbiamo deciso di aggiungere un giro in più alla passeggiata. Ciò significa una salita seria. I panorami e l'entourage sono incredibili. Siamo a corto di parole per fare una descrizione corretta.

Una terrazza con una bellissima vista | Costiera Amalfitana
Una terrazza con una bellissima vista | Costiera Amalfitana

Lungo il percorso - costruito tra le ripide pareti di roccia - passiamo davanti a una terrazza dove beviamo un drink. La proprietaria estremamente cordiale che gestisce l'attività con sua sorella ci regala pane con formaggio e pomodori del suo orto. I pomodori sono spessi come palline da tennis e hanno un ottimo sapore. Insieme al bellissimo posto è stato difficile dire addio.
Deve esserlo, perché c'è ancora in gioco una grande scalata. A 1100 metri sul livello del mare, con una vista fenomenale, ci godiamo il massimo.

Bancarella di frutta e verdura
Le pareti ripide dove sono appese le casse

Per vostra informazione: Il Sentiero Degli Dei è una passeggiata di circa 3 ore. Puoi camminare avanti e indietro o prendere il taxi acqueo per tornare indietro. (Abbiamo fatto un giro in più e siamo tornati "sopra le righe"). Lungo la strada puoi illuminare al B&B Villa Sofia, dove sarai sicuramente coccolato dal proprietario. (Sul tuo lista dei desideri diremmo)

12. Ercolano e Vesuvio

In alternativa a Pompei, visitiamo Ercolano. Ercolano è meno turistica della famosa Pompei. Anche questa città fu sepolta nel 79 d.C. sotto uno strato di cenere e lava della stessa eruzione vulcanica.

Ercolano | Roadtrip Sud Italia
Ercolano | Roadtrip Sud Italia

Gli scavi danno un'impressione visiva della vita di circa 2000 anni fa. È molto impressionante vedere come i resti siano stati preservati nel corso dei secoli. Una delle differenze con Pompei è che Ercolano era più prospera, probabilmente per la sua posizione sulla costa, dove c'erano più possibilità di pesca e commercio. La maggior parte dei cadaveri è stata quindi trovata sulla costa dove apparentemente non era più possibile fuggire.

Antiche mura con decorazioni ad Ercolano | Roadtrip Sud Italia
Antiche mura con decorazioni ad Ercolano | Roadtrip Sud Italia

Non visitiamo il vicino vulcano Vesuvio. Dopo aver visitato l'Etna in Sicilia in completa libertà alcune settimane fa, il Vesuvio sembra essere diventato un'enorme attrazione turistica dove è possibile percorrere i sentieri segnalati in una fila di visitatori dopo aver acquistato un biglietto. Il Vesuvio è ancora un grave pericolo, perché 600.000(!) abitanti sono direttamente minacciati da un'eruzione teoricamente possibile ogni giorno.

13. Napoli

Dal campeggio nella periferia di Arcolano prendiamo il treno per la stazione centrale di Napoli e poi la metropolitana fino alla stazione della metropolitana Toledo. Il viaggio è un'esperienza in sé. Nelle stazioni e sui treni si vede già tanto dell'ambiente e dello stile di vita delle persone. Più volte ci viene mostrato spontaneamente la strada da napoletani che vedono che stiamo cercando. Dietro via Toledo c'è il quartiere popolare degli Spagnoli. Camminiamo qui intorno e siamo profondamente colpiti dall'atmosfera accogliente e amichevole. Bar, terrazze, clacson dei motorini e caos nelle stradine dove sembra che il bucato sia costantemente steso all'esterno. Prendiamo regolarmente una terrazza e ci godiamo tutto ciò che accade intorno a noi.

Città Di Napoli
Il Memoriale della Maradonna a Napoli
Il Memoriale della Maradonna a Napoli

Camminiamo verso il centro storico e difficilmente ci annoiamo. Passeggiando oltrepassiamo una strada dove i negozi vendono cianfrusaglie di ogni genere e addobbi natalizi. Incredibile come è tutto fatto. Il nostro passo è molto lento e il tempo vola. Finalmente torniamo alla stazione centrale e ci rendiamo conto che abbiamo visto solo una frazione della città.

Avevamo parlato in anticipo con diverse persone che hanno parlato negativamente del Napoli. Per quanto riguarda l'architettura storica, Napoli non è tra i primi, ma per quanto riguarda accoglienza, atmosfera e convivialità è una città unica. Siamo molto entusiasti!

14. Chiusura

Concludiamo con la presente questa fase del nostro viaggio nel mondo. Siamo partiti il ​​3 giugno, quindi siamo in viaggio da quasi 5 mesi. Siamo partiti dalle Ardenne dove abbiamo percorso parte del GR5. Poi abbiamo visitato Frankrijk la regione della Champagne e parte dei Vosgi. Nel bello, pulito Svizzera siamo rimasti più a lungo del previsto e ci siamo goduti immensamente le Alpi. Attraverso la Francia e il nord Italia abbiamo preso il traghetto Sardegna, dove abbiamo completato 4 settimane senza problemi. Dalla Sardegna siamo passati a Sicilia e poi abbiamo scoperto il sud della terraferma italiana. Ci siamo divertiti tanto, abbiamo visto tanto. Abbiamo incontrato molte persone simpatiche e adorabili.

Leggi anche: Roadtrip di Sardegna | Diario di viaggio NoFear con camper 4×4
Leggi anche: Roadtrip di Sicilia | Diario di viaggio NoFear con camper 4×4

Come abbiamo goduto della nostra libertà!

E adesso?

Torna a Paesi Bassi, prenditi una pausa… Sì, viaggiare è abbastanza faticoso. Elabora ulteriormente tutte le impressioni negli album fotografici in modo da mantenere vivi i ricordi. Visita la famiglia e i conoscenti e organizza una serie di questioni pratiche.

E poi?

Di nuovo in viaggio, questo è certo. Africa ha un punteggio alto, ma sì, corona. Forse l'estremo nord, Scandinavia, Capo Nord.

Ti faremo sapere non appena saremo fuori. Auguro a tutti un buon inverno! Amore, Cor e Grietje

Leggi anche: Vuoi acquistare un camper fuoristrada 4×4 fuoristrada? | Suggerimenti e a cosa prestare attenzione

Viaggio senza paura

Viaggio senza paura

Un Drent e un Frisone hanno catturato l'insetto di viaggio e viaggiano per il mondo con il loro camper 4×4. Siamo Cor e Grietje di NoFear Reizen e ti accoglieremo roadtrip avventura.

Hai visto un errore? Chiedere? Nota? Fateci sapere nei commenti!

Scritto da:

Viaggio senza paura

Viaggio senza paura

CERCATO

LISTA DI CONTROLLO DI VIAGGIO

✔️ Questa assicurazione di viaggio copre anche le aree arancioni.
✔️ Confronta e prenota il biglietti aerei più economici.
✔️ Risparmia e prenota al meglio attività.
✔️ Più hotel? Allora prenota con 20% di sconto Genius.
✔️ Risparmia e prenota il tuo aeroporto parcheggio.
✔️ Roadtrip? Confronta e prenota uno sconto auto a noleggio.
✔️ Prepararsi per un viaggio? Punteggio pratico guida di viaggio.
✔️ Hai bisogno di uno zaino o di una valigia? Offerte qui.
✔️ regalo? Sto regalando 500 volte 10 euro!

Traduci »
Copia link