WERELDREIZIGERS.NL
Casa » Europa » Paesi Bassi » Vivere in un camper | Esploratore o dipendente dalla libertà?

Vivere in un camper | Esploratore o dipendente dalla libertà?

Come due gradi fanno +/- due centimetri, ho interrotto il mio lavoro regolare e… sono diventato ancora più libero!  

"Gesù, fa freddo," mormoro tra me. Sono in un posto camper ai margini di un parcheggio. O in realtà sto mentendo. Sono nel parcheggio. Quelle piazzole per camper sono ben intenzionate, ma le radici dei fagioli crescono sotto e si sono abbassate. Se parcheggio lì con il mio camper, dovrò incatenarmi al nido con una cinghia di ancoraggio e avrò ancora il torcicollo.  

Leggi anche: Vivere su una barca | Questo è Shem de Labric
Leggi anche: Vivere su una barca | Lo faresti?!
Leggi anche: Vivere su una barca | Visita indesiderata, brutte notti e ancora quella libertà
Leggi anche: Vivere in barca | O in camper?

Non misurare non è sapere

Vedo come una foschia bianca esce dalla mia bocca. L'app meteo sul mio iPhone mostra che ci sono due gradi. Fuori allora. dentro non so. Nemmeno io voglio saperlo, altrimenti lo terrò d'occhio. Stessa idea di avere un orologio. Anche un tale fastidio. Inosservato presti attenzione all'ora e all'improvviso cominci a mangiare allo scoccare delle cinque e mezza, la giornata impiega molto tempo o ti preoccupi di fare tardi. 

Quello che non ho nemmeno bisogno di sapere è di quanto diesel ha bisogno il mio camper. Puoi anche sapere troppo, penso. Supponiamo che io sappia che ne percorre uno su dieci... Quindi in futuro penso che ogni dieci chilometri mi sia costato due euro. In effetti, ogni corsa farebbe male. Ora lo fa (molto) solo alla stazione di servizio.

Penso che sia lo stesso con la temperatura. E non si tratta di quanto sia caldo in gradi, ma di quanto ci si senta caldi. Se ci sono due gradi nel mio autobus, ma sono sdraiato nella mia coperta di pile, allora non sono due gradi, vero? Se il mio furgone è al sole, ma fuori fa freddo, all'interno si scalderà naturalmente? 

Ho sottovalutato il freddo? No, non credo. Lo sto capendo. Due gradi sono certamente freddi. Non ho ancora acceso il riscaldamento. Perché no, potresti chiedere. Beh, forse questo è il mio carattere testardo di merda, ma quello che è soprattutto è il pensiero: ho ancora un intero inverno davanti. Diventerà davvero più freddo di quei due gradi. Se dovessi concludere e riscaldare bene la stufa, potrebbe diventare difficile se diventa meno cinque per alcuni giorni. 

Ottieni destrezza  

Di notte non ho ancora avuto freddo. Dormo sotto una coperta di pile con sopra uno spesso piumone. Quando sono sotto le coperte non ho freddo. L'unica cosa quando fa freddo è quando devo andare in bagno. Poi si riduce a circa due centimetri, per descriverlo visivamente. E sempre... quando sono solo sdraiato... penso: oh sì merda, devo andare in bagno...  

Fa freddo alzarsi dal letto la mattina. In linea di principio, il riscaldatore da parcheggio che ho è bello caldo in cinque minuti. Ma se devo lavorare la mattina, allora ho un'ora e penso che sia un peccato accendere il riscaldamento. La sera preparo l'unico fornello (a gas) con sopra la caffettiera piena. La mattina dopo accendo il fuoco singolo e mi viene subito il calore. Poi mi alzo dal letto, mi metto l'accappatoio e bevo il caffè.

Se non posso farmi la doccia, perché ci vuole troppo tempo al mattino, per esempio, allora mi lavo bene e faccio la doccia più tardi quel giorno. Lo faccio al porto turistico dove è ormeggiata la mia barca, in palestra o – se sono con gli amici – con gli amici. Quando ho finito il caffè, riaccendo la caffettiera per un'altra tazza di caffè, e poi mi lavo, mentre quella cosa irradia di nuovo il calore. In questo modo ottieni un po 'di abilità in tutto. 

Rassegnato  

"Allora con te non finisce mai?!" grida una mia amica quando le dico che ho lasciato il mio posto fisso. "Lavori lì!" 

'Sì, ​​è vero, ma...' comincio e le spiego che questo aumenterà la mia libertà. C'è voluto un po' di convincimento, ma penso che abbia finito.  

"Quindi, se ho capito bene, presto non lavorerai più stabilmente nel luogo in cui ti trovi adesso, ma potrai lavorare in tutti i Paesi Bassi?" 

'Giusto. Quando ho ottenuto questo nuovo lavoro part-time, mi sono registrato anche come lavoratore autonomo nel settore sanitario. Normalmente qualcuno ha una certa regione in cui lavora, perché la maggior parte di loro naturalmente vive in un posto fisso, ma dato che sto in un camper, posso farlo in tutta l'Olanda.' 

"Freddo!" lei risponde. Qualcosa che di per sé copre il carico. 

Più libertà 

Ci sono stati così tanti cambiamenti nella mia vita ultimamente che riesco a malapena a tenere il passo. Una relazione che finisce ha ovviamente già avuto un effetto, ma anche la vita alternativa. In barca ho avuto più libertà acquistando una bici pieghevole. Ho ormeggiato la barca, buttato la bici a lato e sono corso al lavoro.

Grazie al camper ora sono più libero che con la barca. Dove posso navigare per due ore in barca per raggiungere un altro posto, guido il camper dall'altra parte dei Paesi Bassi in due ore. Poiché dovevo essere in quella città tre giorni alla settimana per il mio lavoro regolare, ho notato che ero molto legato a quel posto. E ho pensato che fosse un peccato.

Il modo in cui lo farò ora è che accetterò i servizi ovunque si trovino e starò nelle vicinanze. Poi da lì guardo nuovi servizi in un raggio, ad esempio, di 60 chilometri. Se non ci sono, andrò in città. Se ci sono, allora lavoro e guardo di nuovo il giorno dopo entro un raggio di 60 chilometri. Poiché ho pochi costi di alloggio, non devo lavorare a tempo pieno. Se ci sono meno o nessun servizio per una volta, va bene lo stesso. In quel periodo posso visitare gli amici e le città che passo.  

È così che ho lavorato di recente Eindhoven, Ho fatto il bucato con un amico Breda e ho fatto a pezzi la mia bici pieghevole Anversa. Com'è gratis! Non dimenticare di nuovo dov'eri...

Leggi anche: Vivere su una barca | Questo è Shem de Labric
Leggi anche: Vivere su una barca | Lo faresti?!
Leggi anche: Vivere su una barca | Visita indesiderata, brutte notti e ancora quella libertà
Leggi anche: Vivere in barca | O in camper?

Immagine dell'avatar

Shem de Labric

Mi chiamo Sam e ho 33 anni. Tre mesi fa ho scelto di rinunciare alla mia casa e vivere sulla mia barca. Insieme ad amico e cane, su circa 12 mq. Viviamo in una regione dei Paesi Bassi e navighiamo da un posto all'altro, continuiamo le vacanze e trascorriamo l'inverno in un posto fisso in un porto turistico.

Amo scrivere e mi piace farlo a bordo. Soprattutto ora che ho più spazio in testa perché ho meno preoccupazioni finanziarie, ho avuto una vita più rilassata sull'acqua (ovviamente con alti e bassi perché molte cose sono nuove) e devo anche lavorare meno. Il mio sogno finale è guadagnarmi da vivere scrivendo e non essere più legato alla location, così da poter andare dove voglio con la mia barca, possibilmente abbinata a un camper.

Hai visto un errore? Chiedere? Nota? Fateci sapere nei commenti!

Scritto da:

Immagine dell'avatar

Shem de Labric

CERCATO

LISTA DI CONTROLLO DI VIAGGIO

✔️ Questa assicurazione di viaggio copre anche le aree arancioni.
✔️ Confronta e prenota il biglietti aerei più economici.
✔️ Risparmia e prenota al meglio attività.
✔️ Più hotel? Allora prenota con 20% di sconto Genius.
✔️ Risparmia e prenota il tuo aeroporto parcheggio.
✔️ Roadtrip? Confronta e prenota uno sconto auto a noleggio.
✔️ Prepararsi per un viaggio? Punteggio pratico guida di viaggio.
✔️ Hai bisogno di uno zaino o di una valigia? Offerte qui.
✔️ regalo? Sto regalando 500 volte 10 euro!

Indice

Traduci »
Copia link