WERELDREIZIGERS.NL
Casa » Europa » Paesi Bassi » Vivere su una barca | Vivere diversamente, nuovo lavoro, nuova... vita?

Vivere su una barca | Vivere diversamente, nuovo lavoro, nuova... vita?

A proposito di mandarini che devono essere contati prima, vita su una strada diversa e ancora nuovi piani per il futuro.

"Me ne vado," disse il mio amico. Mi sono sentito ingoiare l'ultimo sorso di caffè e posare la tazza sul tavolo. Il sole splendeva brillantemente nella barca. 

'Lontano? Dove?' Ho chiesto. 

"Ai miei genitori." Ha messo delle cose nello zaino e ha messo il guinzaglio al cane. Il cane guardava innocentemente avanti e agitava la coda quando lo guardavo. 

"Possiamo parlarne, no?" Ho suggerito, ricordando il combattimento di ieri sera. "Ieri parlavamo di fare buoni accordi", ho aggiunto. Parlare non era un'opzione. Doveva pensare e prendersi una pausa. Scese dalla barca con un bacio e una lacrima. Li ho controllati di nuovo, ma né il cane né lui si sono voltati indietro. Il mio istinto ha detto che non era giusto. Come se avesse già deciso. Quel giorno rimase tranquillo come il luogo naturale in cui ora ero solo. 

Leggi anche: Vivere su una barca | Questo è Shem de Labric
Leggi anche: Vivere su una barca | Lo faresti?!
Leggi anche: Vivere su una barca | Visita indesiderata, brutte notti e ancora quella libertà

Mandilina?  

"Maestro, posso avere anch'io un pezzo di mandolino?" Sono spaventato dai miei pensieri. Devo ancora abituarmi al mio nuovo lavoro in classe. Le condizioni a casa hanno influenzato parecchio le mie notti e la mia concentrazione, cosa che non aiuta con un nuovo lavoro. E normalmente lavoro con adulti disabili, ora sono parte all'asilo e parte all'ultimo anno. L'insegnante sorride al bambino di cinque anni in piedi di fronte a lei. Spiega che tutti riceveranno il mandarino dopo la lezione di matematica. Procede a dividere i spicchi e chiede ai bambini di contare. 'Eeeeen... Téééé...' segue il ragazzo con passione, sapendo che presto sarà ricompensato. 

Mai senza problemi  

La nostra relazione non è mai stata completamente priva di problemi. E devo ammettere che la tensione negli ultimi tempi non ha fatto bene neanche a me. Ci siamo lasciati una volta prima a causa dell'accumulo di eventi e del fatto che non è sempre stato completamente onesto. Ma l'amore si insinua dove non può andare e forse speravo in meglio. Ma la tensione è tornata a crescere. È entrato nel mio corpo e si è fermato tra noi.

In qualche modo sapevo che forse non avrebbe avuto un lungo futuro. A causa del cambiamento nella nostra situazione di vita, abbiamo cambiato anche noi stessi. Le differenze sono diventate più grandi e alla fine troppo grandi. Laddove gli piaceva particolarmente l'ambiente familiare, mi è piaciuto molto andare via. Anche se ho sempre detto che volevo continuare a fare le mie cose in una relazione, lui lo trovava sempre più difficile. Il suo mondo sociale era piccolo e non aveva un lavoro. Il mio lavoro era occupato e la mia vita sociale stava crescendo. Abbiamo scelto di vivere insieme su una barca, ma ora ero davvero solo.  

Guida uno contro uno  

"Non mi piace", dice il mio cliente. Gli offro tutoraggio individuale in classe. Ha sei anni e ha problemi comportamentali. Sta a me tenerlo letteralmente sulle spine. Qualcosa che, oltre a tutti quei mandarini, può essere un bel calvario. 

«Rimani al tuo posto e unisciti. Presto avrai il mandarino", dissi, guidandolo di nuovo al suo posto. 

"Penso che sia stupido!" Disse con rabbia e si alzò di nuovo.  

'Sedere!' gridai e indicai la sua sedia. Per un momento ho pensato di spiegargli che una relazione bloccata è più stupida, ma l'ho lasciato andare. L'insegnante guardò nella mia direzione, il ragazzo si sedette. A quanto pare sono stato abbastanza chiaro. 

Solo più avanti, e adesso?  

La parola d'ordine era alta: il mio ragazzo non è tornato e la relazione è finita. Dopo aver deluso per alcuni giorni, ho iniziato a capire le cose e a condividere che ho continuato da solo. Un amico mi ha aiutato a salpare la barca in centro. Lì poteva finire, io pagavo a notte e avevo tutto a portata di mano.

Per prima cosa rimettere tutto in carreggiata, poi pensare al futuro. Stesso principio dei mandarini: prima conta, poi mangia. Non importa quanto sia stupido.

Leggi anche: Vivere su una barca | Questo è Shem de Labric
Leggi anche: Vivere su una barca | Lo faresti?!
Leggi anche: Vivere su una barca | Visita indesiderata, brutte notti e ancora quella libertà

Immagine dell'avatar

Shem de Labric

Mi chiamo Sam e ho 33 anni. Tre mesi fa ho scelto di rinunciare alla mia casa e vivere sulla mia barca. Insieme ad amico e cane, su circa 12 mq. Viviamo in una regione dei Paesi Bassi e navighiamo da un posto all'altro, continuiamo le vacanze e trascorriamo l'inverno in un posto fisso in un porto turistico.

Amo scrivere e mi piace farlo a bordo. Soprattutto ora che ho più spazio in testa perché ho meno preoccupazioni finanziarie, ho avuto una vita più rilassata sull'acqua (ovviamente con alti e bassi perché molte cose sono nuove) e devo anche lavorare meno. Il mio sogno finale è guadagnarmi da vivere scrivendo e non essere più legato alla location, così da poter andare dove voglio con la mia barca, possibilmente abbinata a un camper.

Hai visto un errore? Chiedere? Nota? Fateci sapere nei commenti!

Scritto da:

Immagine dell'avatar

Shem de Labric

CERCATO

LISTA DI CONTROLLO DI VIAGGIO

✔️ Questa assicurazione di viaggio copre anche le aree arancioni.
✔️ Confronta e prenota il biglietti aerei più economici.
✔️ Risparmia e prenota al meglio attività.
✔️ Più hotel? Allora prenota con 20% di sconto Genius.
✔️ Risparmia e prenota il tuo aeroporto parcheggio.
✔️ Roadtrip? Confronta e prenota uno sconto auto a noleggio.
✔️ Prepararsi per un viaggio? Punteggio pratico guida di viaggio.
✔️ Hai bisogno di uno zaino o di una valigia? Offerte qui.
✔️ regalo? Sto regalando 500 volte 10 euro!

Indice

Traduci »
Copia link