WERELDREIZIGERS.NL
Casa » Africa » Marocco » NoFear Viaggiare in Africa (1) | Arrampicata su Toubkal - Montagne dell'Atlante

NoFear Viaggiare in Africa (1) | Arrampicata su Toubkal - Montagne dell'Atlante

Noi (Cor e Grietje van Viaggio senza paura), essere con il nostro camper Toyota Hilux 4×4 in viaggio Africa. Il continente africano è la Mecca per 'via terra' con tanti percorsi impegnativi e bellissime destinazioni. Il primo paese africano che visitiamo durante il nostro viaggio in Sud Africa è Marocco, dove vogliamo scalare il monte Toubkal (4167 m). In questo articolo vi raccontiamo tutto.



A proposito di Toubkal

Il Toubkal è un picco di montagna nel sud-ovest del Marocco. Con un'altezza di 4167 m, è la montagna più alta del Montagne dell'Atlante e dal Marocco. Questa catena montuosa è anche il punto più alto del Nord Africa e del mondo arabo. La montagna si trova a 63 km a sud est della città di Marrakech, nel Parco Nazionale di Toubkal.

Via alle montagne dell'Atlante

Dalla costa occidentale marocchina guidiamo a sud di Marrakech verso le montagne. Dal paesaggio arido, che assume tratti un po' desertici, incombe
Montagne dell'Atlante. Bellissime cime in molte sfumature diverse si stanno avvicinando sempre di più.

Tramonto dall'Auberge | Sulla strada per le montagne dell'Atlante
Tramonto dall'Auberge | Sulla strada per le montagne dell'Atlante
Paesaggio desertico | Sulla strada per le montagne dell'Atlante
Paesaggio desertico | Sulla strada per le montagne dell'Atlante

Si sta facendo tardi quindi cerchiamo un posto per la notte. Abbiamo letto che in un piccolo borgo c'è un auberge dove si può mangiare e passare la notte nel loro cortile. Ci sembra un bel posto.

All'arrivo in paese non riusciamo a trovare l'auberge in un primo momento. Ma il nostro atteggiamento di ricerca viene notato da un paesano che ci conduce all'Auberge. Non è lontano, ma le strade strette e le curve strette in combinazione con i pendii ripidi rendono l'accessibilità una sfida. Si consiglia pertanto di non cercare questo alloggio con mezzi di trasporto superiori ai 6 metri.

l'Auberge

Nessuno è presente nell'auberge, ma ci viene mostrato in giro dall'abitante del villaggio. C'è un bagno e una doccia, che è bello! Più tardi si scopre che la doccia non dà acqua e per il bagno alla turca ci si aspetta che porti la tua carta. Fortunatamente ci siamo abituati. Il paesano chiede se vogliamo mangiare.

A poco a poco iniziamo a renderci conto che è più di una persona che ci mostra la strada. La comunicazione è molto difficile, lì il suo francese è anche peggio del nostro. Ma la proposta del cibo ci sembra buona. Prendiamo un appuntamento per raggiungerci alle sette. Ci sediamo in una stanza dove serve un gustoso tagine. Il piatto nazionale, questa volta con il pollo. Si scopre che l'uomo è anche il cuoco e il cameriere… Non abbiamo ancora visto il proprietario dell'auberge.

I bambini giocano

Da tempo ci è chiaro che ai bambini piace cercare l'attenzione dei turisti. Per loro siamo creature quasi strane. Immediatamente all'arrivo vediamo dei volti timidi che fanno capolino tra i cespugli. Sono curiosi di noi. È un bello spettacolo vedere come gradualmente si avvicinano.

Vedendo i volti dolci, interrogativi e curiosi, è difficile non dare loro una caramella o un biscotto. Cediamo alla pressione e ci spendiamo mezzo pacchetto di biscotti. E poi….un vicino arrabbiato mette la testa dietro l'angolo ei bambini li fanno scappare. Hanno imparato a non infastidire i turisti, ma questa volta la sfida era troppo grande per loro. La sera e la mattina dopo ripetono di nuovo il gioco, ma abbiamo imparato a non andare più d'accordo.

Partenza senza pagare

Dopo la nostra colazione allo yogurt è ora di continuare il nostro viaggio verso il Toubkal. Ma non c'è nessuno da vedere intorno all'Auberge. Vogliamo pagare il pernottamento, la cena e la mancia per le buone cure… ma a chi? Non c'è nessuno. E anche il solo deposito di un importo da qualche parte non fa sentire bene. Dopo aver aperto tutte le porte, chiamato ovunque, aspettato e aspettato ancora un po', abbiamo deciso di andarcene. In paese chiediamo ai vari negozi il paesano o eventualmente il proprietario, ma nessuno sa niente. Lasciamo il villaggio con una strana sensazione di insoddisfazione.

Proseguimento per Oukaimeden

Poiché vogliamo evitare la turistica Imlil - che in realtà è il punto di partenza per una passeggiata al Toubkal - guidiamo fino a Oukaimeden (2650 m). Abbiamo letto che ci sono anche opportunità di partenza lì. Cerchiamo una guida. La scalata del Toubkal con una guida è obbligatoria, anche perché due ragazze scandinave sono state uccise nella zona.

Alla ricerca di una guida

Entriamo in un ristorante a caso che sembra un po' occidentale e chiediamo una guida al proprietario. Esce e chiede a uno degli "uomini" per strada. Non ci vuole molto prima che si diffonda a macchia d'olio che ci sono turisti in cerca di una guida. Si fanno chiamate e si guidano i motorini avanti e indietro. Poi qualcuno viene da noi e ci dice che conosce qualcuno, ma questa persona non parla inglese.

L'uomo in questione viene richiamato e portato fuori dalla sua vita quotidiana berbera. Facciamo fatica a comunicare con lui, ma riusciamo a prendere accordi sul percorso. Saremo in viaggio per 5 giorni, a partire da domani mattina. C'è anche un trasportino con cavallo. Questo lusso significa che non dobbiamo portare i nostri bagagli. Mustafa parla solo berbero con un tocco di francese e inglese. Insieme alle nostre "mani e piedi" lo scopriremo.

Moschee

Poi dobbiamo trovare un posto sicuro per il camper per circa 5 giorni, lui conosce qualcuno per questo. Parcheggiamo il camper nel cortile vicino alla casa di qualcuno. Poco dopo scopriamo chi sono i nostri vicini. La moschea... Non è poi così male, ma i migliori musulmani hanno l'abitudine di chiamare alla preghiera cinque volte al giorno.

I cavalli guardano per vedere se c'è ancora qualcosa nella terra | Sulla strada per le montagne dell'Atlante
I cavalli guardano per vedere se c'è ancora qualcosa nella terra | Sulla strada per le montagne dell'Atlante
Passare la notte accanto a un bullo delle piste | Sulla strada per le montagne dell'Atlante
Passare la notte accanto a un bullo delle piste | Sulla strada per le montagne dell'Atlante

Bene, se passi la notte vicino a una moschea del genere, starai in piedi nel tuo letto alle 5.30 del mattino. Fortunatamente, dobbiamo essere pronti per la passeggiata alle 7 in punto.

Scalare il monte Toubkal

Il primo giorno di cammino

Il primo giorno camminiamo in montagna insieme alla guida Moustafa e al facchino Omar con il suo cavallo e iniziamo una dolce salita verso un colle. Da qui abbiamo una vista fantastica. Scattiamo foto e ci godiamo il massimo. La comunicazione con Mustafa e Omar è un po' difficile, ma si rivelano uomini amichevoli che fanno del loro meglio per essere capiti.

Parco Nazionale di Toubkal
Parco Nazionale di Toubkal
Case berbere con allevamento di pecore
Case berbere con allevamento di pecore
Sul primo col | Arrampicata su Toubkal
Sul primo col | Arrampicata su Toubkal

Dopo il passo passiamo in una frazione chiamata Tamguist, dove mangiamo un tagine nell'unico ristorante locale.

Quindi continua attraverso il villaggio berbero e osserva le condizioni di vita e di vita dei residenti. È tutto molto povero e deprivato per gli standard occidentali, ma abbiamo la forte impressione che le persone si divertano.

Cottage nascosto | Arrampicata su Toubkal
Cottage nascosto | Arrampicata su Toubkal
Ragazzi del villaggio | Arrampicata su Toubkal
Ragazzi del villaggio | Arrampicata su Toubkal

Saliamo ulteriormente al colle successivo e vediamo Imlil dall'altra parte. Scendendo raggiungiamo alcuni insediamenti appena fuori dal paese. Qui passiamo molti alloggi, auberge e hotel. Puoi vedere da tutto ciò che è turistico qui. Lungo la strada sono parcheggiati molti autobus turistici con un tour di un giorno da Marrakech. Camminiamo per la strada principale e siamo regolarmente avvicinati da venditori di ogni tipo di merce. Ora ci siamo abituati, ma noti che qui è un po' più ostile.

Il nostro indirizzo per la notte è fortunatamente lontano fuori Imlil in una piccola casa accogliente. Dopo essere entrati nella nostra stanza, ci sdraiamo sul letto e ci godiamo la pace per un po'. Dopo 20 chilometri e 2100 m di dislivello in salita e in discesa, ci siamo guadagnati quel riposo.

Da Imlil al rifugio les Mouflons

Dopo una deliziosa colazione marocchina (con formaggio di mandorle, burro di arachidi a base di mandorle) partiamo in direzione del rifugio les Mouflons, punto di partenza per la salita in vetta.

Colazione marocchina con formaggio di mandorle | Arrampicata su Toubkal
Colazione marocchina con formaggio di mandorle | Arrampicata su Toubkal

A breve segue un controllo della polizia. La guida deve dimostrare di averne diritto tramite il suo biglietto e noi dobbiamo mostrare i nostri passaporti. Dopo questo controllo incontriamo sempre più escursionisti. E facchini con cavalli e asini, un sacco di roba viene spazzata avanti e indietro.

Il sentiero sale lentamente ma inesorabilmente. Non la viviamo come una camminata faticosa, anche se il dislivello è di circa 1400 metri. Lungo la strada passiamo davanti a una squadra di grandi lavoratori che spianano il sentiero, mettono da parte grosse pietre e rastrellano tutto. Lavoro duro, tanto di cappello!

Lavoratori duri | Arrampicata su Toubkal
Lavoratori duri | Arrampicata su Toubkal
Impianto di raffreddamento con acqua di sorgente di montagna | Arrampicata su Toubkal
Impianto di raffreddamento con acqua di sorgente di montagna | Arrampicata su Toubkal

Alba sul Toubkal

Il rifugio les Mouflons (3207 m) risulta essere un moderno e lussuoso rifugio di montagna. C'è una scelta di dormitori e persino stanze private. Colazione, pranzo e cena sono forniti da un personale cordiale.

Siamo d'accordo con la nostra guida di partire presto il giorno successivo, alle tre e mezza. Quindi camminiamo fino in cima al buio e possiamo ammirare l'alba. Andiamo a letto presto per alzarci presto domani.

Rifugio dei Mufloni a 3207 m | Arrampicata su Toubkal
Rifugio dei Mufloni a 3207 m | Arrampicata su Toubkal
i mufloni | Arrampicata su Toubkal
i mufloni | Arrampicata su Toubkal

L'ultimo pezzo

Quando suona la sveglia alle tre c'è già un po' di rumore nella capanna. Ci sono molte persone che apparentemente vogliono scalare il Toubkal a quest'ora. Non c'è illuminazione nella cabina tranne alcune luci di emergenza. Risparmio energetico! Fortunatamente abbiamo con noi le nostre lampade frontali, di cui avremo bisogno durante la salita.

Dopo una semplice colazione incontriamo Mustafa ed entriamo nella notte buia. Con i fari possiamo almeno vedere dove mettere i piedi. Il ripido sentiero si rivela meno agevole della salita di ieri. Le pietre sciolte rotolano regolarmente sotto i nostri piedi. Dopo circa due ore e mezza di arrampicata, un po' di luce arriva con cautela da dietro le cime delle montagne. Continua per un po'.

Siamo stati informati in anticipo del mal di montagna e, naturalmente, dell'aria rarefatta non appena si sale più in alto. Ma non è così male, al massimo la respirazione accelerata, ma può anche essere dovuto allo sforzo.

Quando raggiungiamo la vetta, una scarica di adrenalina ci attraversa: C'E' FATTA!

Prepariamo la nostra macchina fotografica e ora dobbiamo aspettare il momento magico, il momento in cui il sole inaugura un nuovo giorno. Nel nostro entusiasmo facciamo molte foto.

Aspettando il momento giusto | Arrampicata su Toubkal
Aspettando il momento giusto | Arrampicata su Toubkal
Alla ricerca della posizione migliore insieme | Arrampicata su Toubkal
Alla ricerca della posizione migliore insieme | Arrampicata su Toubkal
Poco prima dell'alba | Arrampicata su Toubkal
Poco prima dell'alba | Arrampicata su Toubkal
Toubkal 4167 m | Arrampicata su Toubkal
Toubkal 4167 m | Arrampicata su Toubkal

incidente aereo

Dopo che ci siamo ripresi dalla meravigliosa esperienza, è ora di iniziare la discesa. La stragrande maggioranza delle persone intraprende lo stesso percorso verso il basso. Ma Mustafa, la nostra guida ha capito da tempo che preferiamo andare fuori dai sentieri battuti e siamo pronti per un'avventura, quindi prendiamo un percorso alternativo. Dopo mezz'ora arriviamo in prossimità di una vetta leggermente più bassa. Mustafa ci porta di sopra e quello che vediamo lì ci stupisce davvero. In cima alla cima aguzza della montagna c'è un motore di aeroplano.

Alluminio totalmente ritorto, ma ben visibile di cosa si trattava. A poco a poco, la storia di un incidente aereo ci diventa chiara. Qui è successo un grosso incidente. Mustafa cerca di spiegarci cosa è successo qui. Ma è abbastanza complicato se hai difficoltà a capirti.

Motore aeronautico 1 | Arrampicata su Toubkal
Motore aeronautico 1 | Arrampicata su Toubkal
Motore aeronautico 2 | Arrampicata su Toubkal
Motore aeronautico 2 | Arrampicata su Toubkal
Motore aeronautico 3 | Arrampicata su Toubkal
Motore aeronautico 3 | Arrampicata su Toubkal

Più tardi abbiamo scoperto che un quadrimotore a elica si è schiantato qui nel novembre 69. Inizialmente, si sapeva solo che l'aereo era scomparso dai radar, ma non era rintracciabile. Fu solo nel luglio del 70 che gli alpinisti trovarono i relitti nella zona inospitale.

L'aereo militare era in rotta da Faro, in Portogallo, a Sao Tombe, trasportando munizioni e otto persone. Il relitto è distribuito su una vasta area poiché l'impatto contro la cima della montagna ha spezzato l'aereo in due e il relitto è caduto su entrambi i lati. Durante la nostra discesa incontriamo molti altri relitti tra cui un secondo motore.

Visualizza | Arrampicata su Toubkal
Visualizza | Arrampicata su Toubkal

Scoperto raccapricciante

Quattro degli otto corpi sono stati recuperati e sepolti sul posto. Che fine hanno fatto gli altri quattro...introvabili? Seppellito in montagna significa ricoprire i corpi con alcune grosse pietre. Nessuna targa, nient'altro. Ora, più di 50 anni dopo, potevamo vedere i resti umani dei morti tra le pietre. Erano visibili anche parti di indumenti non deteriorati. Una scoperta raccapricciante.

Avevamo bisogno dell'ultima parte sulla via del ritorno al rifugio per elaborare alcune cose.

Torna a Imlil

Al rifugio beviamo una tazza di tè, facciamo le valigie e partiamo per la discesa di 1400 metri di ritorno a Imlil. Scendere da soli sembra facile, ma è un errore di giudizio che sperimentiamo sempre più spesso. Alla fine siamo saliti a circa 4 metri e siamo scesi a 1100 metri dalle 2400 del mattino. Come un sacco di sale, ci siamo lasciati cadere sui nostri letti nell'alloggio dove siamo stati la prima notte.

Il quarto giorno

Il giorno dopo Mustafa, Omar, il cavallo e si parte per un giro di circa 13 chilometri alla conquista di due coltjes. È un altro percorso lontano dai sentieri battuti dove ci godiamo l'ambiente montuoso e passiamo un certo numero di villaggi berberi.

Bivaccare così vicino alla popolazione berbera per un po' di più ci dà una visione fantastica delle loro vite. I villaggi dall'esterno sembrano assolutamente squallidi e preistorici. Un sacco di spazzatura, niente strade acciottolate, edifici incompiuti che sono solo quadrati, qualsiasi cosa tu incontri. (Non si tratta di alcuna forma rotonda)
Ma quando si entra a volte è sorprendentemente moderno.

Esterno della casa berbera
Esterno della casa berbera
Dentro casa berbera
Dentro casa berbera

A casa Gliz

Quindi risaliamo ulteriormente al passo successivo, poiché inizia a tuonare. Indossiamo gli impermeabili e proseguiamo per la nostra strada. Oltre il colle il paesaggio cambia in pietra rossa con alberi più grandi. Dall'altro lato della valle vediamo un piccolo insediamento dove si trova anche la nostra casa. L'ultima parte che dobbiamo arrampicare duramente per raggiungerla.

Sulla strada per Gliz 1
Sulla strada per Gliz 1
Sulla strada per Gliz 2
Sulla strada per Gliz 2
Paesaggio impressionante
Paesaggio impressionante

All'arrivo veniamo immediatamente indirizzati alla camera e siamo stupiti dal lusso. Una doccia spaziosa, carta igienica, asciugamani e un letto fatto sono le caratteristiche speciali.
Dopo una doccia rinfrescante andiamo a pranzo e prendiamo un'insalata con uovo fritto. Sul balcone abbiamo una vista fantastica. Ci godiamo i cieli tempestosi contro le cime delle montagne.

Più tardi durante la cena siamo nuovamente trattati per un bellissimo tramonto e non possiamo resistere a scattare qualche altra foto.

Diverse sfumature | Arrampicata su Toubkal
Diverse sfumature | Arrampicata su Toubkal
Visualizza alloggio Gliz | Arrampicata su Toubkal
Visualizza alloggio Gliz | Arrampicata su Toubkal
Tramonto dall'alloggio Gliz | Arrampicata su Toubkal
Tramonto dall'alloggio Gliz | Arrampicata su Toubkal

L'ultimo giorno

Ci viene servita una deliziosa colazione e ci accordiamo con Hassan, il proprietario dell'hotel. Nel registro della notte vediamo che gli ultimi ospiti sono stati qui a giugno. E prima ancora, ospiti all'inizio del 2020, prima del corona. Com'è possibile che una proprietà così bella non abbia un'occupazione maggiore? Bene, più tardi ci rendiamo conto di quanto siano remote queste case. A nessuno piace questo! Non c'è davvero niente da fare oltre a camminare.

Si parte alle 9 del mattino tramite l'unica strada di accesso. Dobbiamo salire circa 600 metri e la strada è facile per gli escursionisti. Inoltre, possono passare solo veicoli 4×4. Non si tratta assolutamente di taxi o autobus. I residenti dipendono quindi da un cavallo o da un asino. Ci rendiamo ancora una volta quanto sia remoto il villaggio e cosa significhi per i residenti.

Proseguiamo e arriviamo al colle dove abbiamo una bella panoramica della zona. Qui vediamo che la cima di una montagna vicino al Toubkal è ricoperta di neve. La prima neve della stagione. Così ieri durante il temporale una nuvola ha lasciato la prima neve. È lontano, ma riusciamo a fotografarlo.

La prima neve
La prima neve

Proseguiamo quindi verso il camper, ma lungo la strada veniamo comunque invitati per un tradizionale tè con un amico di Mustafa.

Qui andiamo in bagno. Una cabina super piccola, con un buco nel terreno. Molto primitivo, ma divertente da provare. Dopo un tè con biscotti, oliebollen, pane, olio d'oliva e miele andiamo al camper. Per finire, Mustafa ci invita a cenare con lui la sera.

Tè con la famiglia berbera
Tè con la famiglia berbera

Mangiare con una famiglia berbera

Non abbiamo idea di come viva Mustafa, ma nel pomeriggio ha indicato la direzione del villaggio dove si trovano le strutture più tradizionali. Alle sette viene a prenderci e andiamo a casa sua. Mostra con orgoglio i suoi averi. Una struttura con pareti storte e una porta d'ingresso realizzata con un tetto in zinco che rivela che non si tratta di architettura.

Entriamo nella parte dove hanno anche il pernottamento le 20 capre e un gregge di polli e incontriamo il figlio di 18 anni che ha passato l'intera giornata con le capre in montagna.

Quindi varchiamo un'altra piccola porta ed entriamo nella cucina dove l'amichevole moglie di Mustafa riempie il piccolo spazio. Poi nella stanza che è anche una camera da letto. Il cubicolo di cemento 3×4 è coperto da alcuni tappeti e cuscini. Niente sedie, solo un tavolino. Non c'è illuminazione elettrica nella stanza e la poca luce proviene da una fiamma a gas.

case berbere
case berbere

Leggi anche: Itinerario Marocco in 2, 3 o 4 settimane | Tutte le cose da vedere e i consigli di viaggio

Ci sistemiamo sui tovaglioli intorno al tavolo e prendiamo subito il tè. Tradizionalmente accompagnato da tanti biscotti e dolci. Possiamo comunicare un po' con Mustafa ma per niente con il figlio e la moglie. Parlano solo berbero.
Dopo il tè ci sorprende con una ciotola piena di cous cous, verdure e carne di capra. Un cucchiaio per ciascuno e così deliziosamente comodo da mangiare insieme dalla ciotola.

Anche se non possiamo comunicare con il figlio e la moglie, è comunque accogliente e ci godiamo un momento unico con persone molto amichevoli e adorabili.

Dopo il cous cous prendiamo del melone e ci salutiamo. Mustafa ci riporta al camper nel buio pesto.



Viaggio senza paura

Viaggio senza paura

Un Drent e un Frisone hanno catturato l'insetto di viaggio e viaggiano per il mondo con il loro camper 4×4. Siamo Cor e Grietje di NoFear Reizen e ti accoglieremo roadtrip avventura.

1 commento

Scritto da:

Viaggio senza paura

Viaggio senza paura

CERCATO

LISTA DI CONTROLLO DI VIAGGIO

✔️ Questa assicurazione di viaggio copre anche le aree arancioni.
✔️ Confronta e prenota il biglietti aerei più economici.
✔️ Risparmia e prenota al meglio attività.
✔️ Più hotel? Allora prenota con 20% di sconto Genius.
✔️ Risparmia e prenota il tuo aeroporto parcheggio.
✔️ Roadtrip? Confronta e prenota uno sconto auto a noleggio.
✔️ Prepararsi per un viaggio? Punteggio pratico guida di viaggio.
✔️ Hai bisogno di uno zaino o di una valigia? Offerte qui.
✔️ regalo? Sto regalando 500 volte 10 euro!

Traduci »
Copia link