WERELDREIZIGERS.NL
Casa » Europa » Paesi Bassi » Vivere su una barca | Denouement emozionante, prese funzionanti e oliebollen

Vivere su una barca | Emozionante epilogo, prese funzionanti e oliebollen

Settimana 5: in che modo le prese funzionanti (e i cavi di ricarica) rendono tutto più semplice e uno scoppio di risate rende la tua giornata perfetta.

"Beh, allora dovrebbe funzionare ora", dice il mio ex. Aiuta con l'installazione delle prese elettriche nella nostra barca. Io stesso non so molto di elettricità. Fortunatamente, ho lui come aiuto e acquisisco anche conoscenza in questo modo. Si scopre che posso aiutare gli altri in questo. Il mio ex, che preferisco chiamare 'un amico', con la nostra relazione di dieci anni di cui otto anni di matrimonio ininterrotta, si dirige verso la cabina di prua e inserisce la spina nella presa. Lo schermo del suo telefono non si accende. 'Eh? Come è possibile?!' si chiede ad alta voce. 

'Uhm, non ne ho idea... Forse un nodo nel cavo?' Suggerisco. "Uh, cosa?" Tranquillo per un momento. Poi inizia a ridere. 'Nessun pazzo!'
"Sì, so molto."

Leggi anche: Vivere su una barca | Questo è Shem de Labric
Leggi anche: Vivere su una barca | Visita indesiderata, brutte notti e ancora quella libertà

Prova un nuovo posto

Osservando un uccello che vola via, penso al giro in bicicletta abbastanza lungo di questo pomeriggio. Siamo molto più lontani del solito in barca quando devo lavorare. Puramente per sperimentare se anche questo è fattibile. E sì: in mezz'ora è perfettamente possibile pedalare. Anche un bel posto barca. Di nuovo un po' più libero.

Annoda il cavo

Salgo marcia e mi fermo a un semaforo che diventa arancione. 

'Lo so già!!' Improvvisamente sento accanto a me. Il sospiro teatrale del mio cliente, un uomo di cinquant'anni con disabilità intellettiva, mostra che è grave. 

"Cosa sai già?" Chiedo e prendo il freno dell'autobus che stiamo guidando un po' troppo forte. Tiene il cavo del suo telefono in aria in modo dimostrativo. Penso alle volte in cui abbiamo scoperto che il suo telefono non veniva ricaricato. Inspiegabile, sembrava. Era vero il contrario. Capita spesso che il cavo sia nel suo telefono, ma non nella presa. E bene, allora puoi ovviamente aspettare di pesare un'oncia. 

"Sì, certo che il mio telefono è sempre vuoto!" grida leggermente irritato. 

'Veramente?' Cosa poi?' chiedo, guardando nello specchietto retrovisore per assicurarmi di non aver causato un incidente. 

'Aspetto!' Indica il nodo della corda. Il suo sguardo è serio.

"Dimmi che non è vero!" urlo spaventato. Vietato fumare dietro di me e l'autobus che stiamo guidando non sembra sferragliare più del solito.

"Sì, oliebol!" grida ridendo. Il sollievo può essere letto sul suo viso. 

"Ragazzino, non l'avevo visto!" Chiamo. "È per questo che abbiamo sempre il telefono vuoto?"

"Yaaaa!" grida. Il suo sorriso si allarga. I suoi occhi brillano. Non riesco a trattenere la mia risata. Afferro il cavo per sciogliere velocemente il nodo e collego un'estremità al telefono, l'altra all'accendisigari. Lo schermo si illumina. Dal sedile del passeggero si sente uno scroscio di risate.

"Guarda, sacchetto di patatine!" ride il fan di Bassie & Adriaan e batte le mani.

'Ragazzo o ragazzo! Frikandel!' Io seguo.

"Uwl pulcino!"

"Ehi uh..." dico a bassa voce. Mi guarda teatralmente sorpreso e prova a farlo
indovina se sono serio o forse lo sto solo scherzando. Dopo un momento di silenzio continuo: 'Drums, drommels, drommels!' Di nuovo quel ruggito.

Mancava una connessione

L'amico esperto di potere guarda attraverso la cabina da sopra gli occhiali da lettura. Ha chiaramente un presentimento. In un cartone animato, una luce appariva sopra la sua testa con una specie di rumore metallico.

"Aspetta un minuto", dice. 'Posso già vedere...' Quello che vede è ancora un mistero per me. Rovista nella "scatola del contatore" e poi torna in cabina. Mostra con orgoglio il suo schermo luminoso del telefono e dice: "Guarda, ora funziona". 

"Cosa stava succedendo allora?"

"Ho perso una connessione", dice, seguito da una serie di termini tecnici per me incomprensibili. 

"Sì," sospiro. "Ciambella alla frutta!"

Leggi anche: Vivere su una barca | Lo faresti?!

Immagine dell'avatar

Shem de Labric

Mi chiamo Sam e ho 33 anni. Tre mesi fa ho scelto di rinunciare alla mia casa e vivere sulla mia barca. Insieme ad amico e cane, su circa 12 mq. Viviamo in una regione dei Paesi Bassi e navighiamo da un posto all'altro, continuiamo le vacanze e trascorriamo l'inverno in un posto fisso in un porto turistico.

Amo scrivere e mi piace farlo a bordo. Soprattutto ora che ho più spazio in testa perché ho meno preoccupazioni finanziarie, ho avuto una vita più rilassata sull'acqua (ovviamente con alti e bassi perché molte cose sono nuove) e devo anche lavorare meno. Il mio sogno finale è guadagnarmi da vivere scrivendo e non essere più legato alla location, così da poter andare dove voglio con la mia barca, possibilmente abbinata a un camper.

Hai visto un errore? Chiedere? Nota? Fateci sapere nei commenti!

Scritto da:

Immagine dell'avatar

Shem de Labric

CERCATO

LISTA DI CONTROLLO DI VIAGGIO

✔️ Questa assicurazione di viaggio copre anche le aree arancioni.
✔️ Confronta e prenota il biglietti aerei più economici.
✔️ Risparmia e prenota al meglio attività.
✔️ Più hotel? Allora prenota con 20% di sconto Genius.
✔️ Risparmia e prenota il tuo aeroporto parcheggio.
✔️ Roadtrip? Confronta e prenota uno sconto auto a noleggio.
✔️ Prepararsi per un viaggio? Punteggio pratico guida di viaggio.
✔️ Hai bisogno di uno zaino o di una valigia? Offerte qui.
✔️ regalo? Sto regalando 500 volte 10 euro!

Traduci »
Copia link