Wereldreizigers.nl
Casa » Africa » Kenia » Roadtrip Africa (9) | Oloitokitok e dintorni

Roadtrip Africa (9) | Oloitokitok e dintorni

caribù! In altre parole, benvenuto nel mio avventuroso roadtrip blog su Africa. Io sono Eric e viaggio (ormai da tre anni) con uno scooter e un'auto attraverso l'Africa. In questo blog rimango per una settimana a Oloitokitok (Kenia) ed esplorare la zona. Compresi alcuni viaggi illegali a Tanzania en Amboseli. E una gomma a terra nella terra dei Maasai.

Servizio di gomma a terra Maasai vicino ad Amboseli
Servizio di gomma a terra Maasai vicino ad Amboseli

Nei regni superiori di Oloitokitok

Durante il giorno quasi non mi accorgo di essere a Oliotokitok a 2.500 metri di altitudine. Al mattino e alla sera è una storia diversa. La temperatura scende da cinque a dieci gradi. I bellissimi tappeti Maasai sono davvero utili.

Ho deciso di tacere per qualche giorno. Andare in giro sullo scooter dentro e intorno a Oliotokitok, girovagare per il mercato e salutare tutti. Dopo un giorno o due conosci mezzo villaggio (e l'intero villaggio ti conosce). 

Oliotokitok è un paese di appena 5.000 abitanti (e poi conto i dintorni per comodità). I Maasai della zona vengono qui per fare la spesa. C'è una stazione di polizia abbastanza grande, perché è al confine con la Tanzania. Ma non esiste un valico di frontiera ufficiale! Per questo devi andare a Tarakea, una decina di chilometri a sud-est. Attraverso questo posto di frontiera si va a sud-est intorno al Kilimanjaro e dopo 70 km si raggiunge Moshi e Arusha (150 km).

C'è anche un modo non ufficiale o piuttosto illegale. Almeno per me. La popolazione locale non si preoccupa molto dei confini. I Maasai vanno dove vogliono andare. Dubito che qualcuno qui abbia un passaporto ufficiale.

NB è tempo di Covid e ciò significa che un passaggio di frontiera legale viene fornito con un test Covid se guidi in Tanzania e non per il Kenya (blog da seguire quando viaggio nel Serengeti a dicembre). Stranamente, la Tanzania non ha l'obbligo della maschera, mentre è abbastanza severo in Kenya (non a Oloitokitok). Ma nessun test è obbligatorio per il Kenya.

C'è un cartello di benvenuto ma nessun controllo di frontiera a Ronkai, in Tanzania
C'è un cartello di benvenuto ma nessun controllo di frontiera a Ronkai, in Tanzania

La rotta del contrabbando verso la Tanzania

Dopo una deliziosa colazione decido di salire sul mio scooter. Guido attraverso i boschi e ogni tanto incontro un motociclista. Di solito pesantemente sovraccarico, ma perché non lo so ancora. In una scuola cattolica, la strada arriva a un vicolo cieco. Scelgo un altro sentiero nel bosco. E dopo quindici minuti ho lasciato la foresta e mi ritrovo in Tanzania.

Lì improvvisamente guido su una bella strada asfaltata verso Rongai. A Rongai sono subito il discorso del giorno. Tirano i cellulari: tempo di selfie con il mzungu. Il capo villaggio poi mi spiega esattamente come funziona il confine. 'Aspetto. Qui c'è il cartello "Benvenuti in Tanzania" e lì "Benvenuti in Kenya". La strada asfaltata continua fino al cartello Kenya. I kenioti hanno solo dimenticato di proseguire sulla strada asfaltata. Quindi, se prosegui, torni su un sentiero nel bosco. Non c'è polizia o dogana».

Selfie con Maasai a Ronkai (il cartello Welcome to Kenya è parzialmente visibile sullo sfondo)
Selfie con Maasai a Ronkai (il cartello Welcome to Kenya è parzialmente visibile sullo sfondo)

In questo tempo di Covid, questo è molto conveniente, credo. La strada asfaltata da Rongai prosegue verso ovest per altri 30 km e si ferma a Kamwaga. Sulla mappa vedo che posso tornare in Kenya da Kamwaga. Quando lo faccio, scendo e finisco nel Parco Nazionale di Amboseli...

Oggi è troppo tardi per dare concretezza a ciò. È quasi buio e percorro un sentiero nel bosco e una pessima strada acciottolata per tornare a Olloitokitok.

Il mercato del bestiame di Kimana

Oggi è martedì e questo significa che c'è un mercato del bestiame a Kimana, a 20 km da Oloitokitok. Devo vederlo!

Nato e cresciuto a Zwolle, ho visitato regolarmente il mercato del bestiame a Zwolle negli anni '1970 e '1980. Da bambino lo trovavo molto affascinante. Il mercato del bestiame di Zwolle dentro e intorno all'IJsselhal. Giovedì sera, alle tre del mattino, ho attraversato il parcheggio e ho visto quei contadini con i grossi portafogli pieni di banconote verdi da 1.000 fiorini parcheggiare la loro Mercedes. Poi ho seguito il rito: battere le mani, far incazzare la mucca, allontanarsi, tornare indietro e dare l'ultimo duro colpo: venduto. Una volta era a Zwolle. Qualche volta negli anni 1970 e 1980. Ogni venerdì. 

Il mercato del bestiame a Kimana
Il mercato del bestiame a Kimana

Al giorno d'oggi, il nostro commercio di bestiame passa attraverso Internet da decenni, ma a Kimana è ancora solo il mercato del bestiame di Zwolle nel 1980. 

I commercianti passano davanti alle capre e alle mucche. Di tanto in tanto toccano un animale con il loro bastone per sentire se c'è abbastanza carne su di esso. E poi iniziano le trattative. Proprio come a Zwolle, è una scena di battimani. Andarsene. Torna di nuovo e poi all'improvviso quell'ultimo battito di mani. Venduto! Poi gli animali scompaiono nei carri bestiame.

Il mercato del bestiame a Kimana
Il mercato del bestiame a Kimana
Il mercato del bestiame a Kimana
Il mercato del bestiame a Kimana

È anche occupato dall'altra parte del mercato del bestiame. Lì decido di fare un regalo al mio scooter. Dopo tutta quella sabbia ad Amboseli, non è un lusso inutile.

Lavaggio scooter a Kimana

Un pericoloso tour ad Amboseli

Di nuovo ho preso la strada forestale e ora ho superato Kamwanga in Tanzania. Seguo la strada asfaltata per circa 30 chilometri sul versante nord del Kilimanjaro. Poi la strada asfaltata si interrompe e scendo su sentieri sabbiosi superando alcuni abitati. Da 2.500 a 1.000 metri. Dopo due ore guido sui sentieri delle mucche e la vegetazione è costituita solo da cespugli spinosi. Anche le prime giraffe hanno segnalato. Inosservato, sono ufficiosamente ad Amboseli NP.

Dopo alcuni insediamenti Maasai seguo Google Maps. E anche se pensavo di avere abbastanza benzina con me, il serbatoio sta ricominciando a svuotarsi.

Kamwanga in Tanzania ai piedi del Kilimangiaro
Kamwanga in Tanzania ai piedi del Kilimangiaro

Il Serena Lodge – dove ho soggiornato prima – ora incombe. Forse possono risparmiare un litro di benzina. Tuttavia, l'accoglienza all'ingresso non è affatto cordiale. «Non ti è permesso venire qui in scooter. Questo è il parco nazionale. Chiamo il capo della sicurezza!'

Il capo di Serena Lodge è un vero e proprio stronzo. 'Basta capirlo. Non puoi comprare benzina da noi. E se non te ne vai presto, chiameremo i ranger. Questo è completamente illegale e pericoloso!' Segnalo alcuni Maasai che camminano a poche centinaia di metri con una mandria di mucche. 'Pericoloso? Che mi dici di lei? Non mi dirai che qui gli elefanti distinguono tra me e Maasai?'

Adamant. Non posso nemmeno comprare una tazza di caffè al ristorante. «Mi dà un po' fastidio. Ho trascorso due notti qui la settimana scorsa e tutti erano così cordiali...”

Decido di informarmi con i Maasai. Uno salta sul retro del mio scooter e dieci minuti dopo ho due litri di benzina. Risulta essere benzina speciale. Il prezzo è tre volte superiore alla tariffa normale. Ed è stato manomesso (quindi contiene più acqua che benzina).

Adesso sono le cinque. Ancora due ore al massimo e sarà buio pesto. Tuttavia, sto uscendo di nuovo dalla strada (se ce n'è uno). Guido sulla sabbia e cerco di evitare i cespugli spinosi. Finché improvvisamente non mi ritrovo faccia a faccia con un elefante maschio. Decisamente non è rilassato e si precipita verso di me a una velocità considerevole. Palpitazioni cardiache ... Corro davvero attraverso tutto. Non mi guardo indietro, vai e basta.

Dopo circa cinque minuti l'ho perso. Scendo dallo scooter e guardo il risultato. Sono coperto di sangue. Le spine affilate come rasoi hanno provocato il caos. Passano attraverso le mie pantofole e anche attraverso la mia gomma posteriore, ma non me ne accorgo fino al mattino successivo.

È il tramonto. Ricevo aiuto in un chiosco Maasai. Compro tre litri di benzina e un Maasai mi accompagnerà fino alla porta Kimana di Amboseli. «Ci ​​sono delle belle logge lì. Adesso non è possibile guidare fino a Oloitokitok.

Loggia di Sentrim Amboseli

Dopo mezz'ora siamo al cancello Kimana. I ranger del parco mi salutano calorosamente. Si ricordano ancora di me e mi rimandano a Sentrim Amboseli Lodge. «A un miglio da qui. Una grande loggia!'

Al Sentrim Amboseli Lodge, l'addetto alla reception è piuttosto preoccupato. "Signore, sei coperto di sangue." Viene portato il kit di pronto soccorso. E un'ora dopo sono sbronzo a godermi un'ottima cena. Oh e perché essere fortunato? Ho un prezzo di pensione completa di 50 euro. E questo vale anche per gli altri lodge della catena Sentrim. Lascia che Sentrim possieda uno dei lodge più belli dell'Africa nel Parco nazionale dello Tsavo orientale...

La mattina dopo, ovviamente, prima mi godo una deliziosa colazione, mi rilasso in piscina per qualche ora e poi prendo il pranzo. Parto con il numero di telefono del gestore del Sentrim Tsavo Lodge sul cellulare. Dopo pochi minuti noto che il mio scooter si comporta in modo molto strano. ops. Una gomma a terra…

Ci vogliono meno di cinque minuti prima che qualche Maasai passi in motocicletta. Mi indirizzano a un insediamento Maasai. Sette buche è il risultato di una breve ispezione. Tutte le spine che hanno attraversato la gomma posteriore durante la mia fuga dall'elefante. Quelli erano tutti piccoli buchi e quindi la mia gomma posteriore si è sgonfiata molto lentamente.

Una pompa da bicicletta, un coltello e una chiave inglese. È tutto. E i Maasai hanno coltelli, pompe da bicicletta e io ho le chiavi inglesi. Per fortuna ho ancora una nuova camera d'aria nel mio scooter e un'ora dopo sto guidando allegramente verso Oloitokitok.

Sono molto felice che io sia tornato. Le signore del Kilimanjaro Lodge hanno trovato il mio bagaglio in una stanza vuota. 'Siamo così felici. Che l'addetto alla reception ci ha chiamato ieri sera. Che eri sano e salvo con loro. Hai già mangiato?'

Un pollo viene strappato dal cortile e appare nel mio piatto un'ora dopo.

Un pollo fresco nella cucina del Kilimanjaro Lodge, Oloitokitok
Un pollo fresco nella cucina del Kilimanjaro Lodge, Oloitokitok

Nel prossimo blog farò un giro davvero indimenticabile. Da Oloitokitok a Taveta su una pista sabbiosa. Per poi fare un safari di quattro ore su un'autostrada nuova di zecca Tsavo Parco Nazionale.

Immagine dell'avatar

Eric

Com'è guidare per più di 10.000 chilometri in Madagascar su uno scooter acquistato localmente? O su un pikipiki (scooter in swahili) attraverso l'Africa orientale? In più di 20 anni ho visitato più di 100 paesi. Ciò ha portato a molte esperienze di viaggio inestimabili, che vorrei condividere con voi.

ERIC – OLTRE 100 PAESI
– Ama viaggiare in scooter
– Condividi esperienze di viaggio uniche.
– Destinazioni preferite: Madagascar, Uganda, Giappone, India e Colombia.

Questa pagina può contenere link sponsorizzati e/o di affiliazione. Utilizzando i nostri link di affiliazione ci sostieni senza costi aggiuntivi. Grazie!

Ti piacerebbe ricevere ogni mese ottimi consigli di viaggio e vantaggi extra? E sapevi che regaliamo mensilmente una mappa del mondo ai nostri abbonati? Tutto quello che devi fare è lasciare il tuo indirizzo email qui sotto e avrai la possibilità di vincere ogni mese!

logo-viaggiatori-del-mondo-grigio-1
Traduci »
Copia link